scrivici        vinealia         fatti         uve e vini         genti e terre         vino e …        






 

Rovere "pèdonculè" contro "sessile"?
Se ne è parlato all'ultimo Vinexpo
 
Diciamolo: perfino noi che siamo dei "poveri consumatori" sappiamo che per elevare il vino in barrique non c'è altro legno all'altezza del "chêne sessile", un rovere a grana fine che cresce in alcune aree del Massiccio centrale, in Francia. Questo legno è il massimo, quello che tutti vogliono, quello che solo offre risultati e garanzie all'altezza delle aspettative dei migliori produttori di vino di tutto il mondo, al punto che le botti da 225 litri che arrivano da tonnelleries che usano questa specifica specie sono sempre messe in bella mostra in ogni cantina.
Ma ora qualche dubbio viene anche noi, perché non solo pare ci siano buoni (o accettabili) risultati anche con rovere di altre provenienze (ci risulta si possa parlare di Russia, di ex Jugoslavia, di Austria, di Germania e di Nord America, ma sicuramente ce ne sono altri che non conosciamo o abbiamo dimenticato) ma anche nella stessa Francia si è deciso di chiarire le cose, di evidenziare che la grana fine di Tronçay può avere un valido concorrente nel "chêne pédonculé" che cresce nel sud-ovest del Paese, in Aquitania.
È in questo senso che si colloca l'operato di una associazione ­ CHÊNES DU SUD-OUEST-ORIGINE ET VINS ­ che si propone di mettere in più stretta comunicazione produttori di vino e di botti (e di legno) di Aquitania per sostenere una sorta di "fratellanza del territorio", un concetto di "terroir" che non valga solo per il vino, ma coinvolga anche le barrique.
E quale occasione poteva essere meglio dell'ultimo Vinexpo a Bordeaux (centro e cuore pulsante dell'Aquitania del vino, nonchè sede della più importante rasegna di settore mondiale) per dire che la grana media del "pédonculé" offre buoni risultati e che il "sapore di legno" del rovere che nasce da queste parti non è così "coprente" come accade con barrique fatte con altri rovere (ammesso che sia un problema di legno e non di uso non perfettamente adeguato)?
E se a tutto questo si aggiunge un incontro con relazioni scientifiche circostanziate sulla validità della proposta e sulla perfetta "tracciabilità" di questo rovere (dalla foresta alla singola barrique in cui viene impiegato), oltre ai risultati di una degustazione comparativa di sei "appellations" dell'Aquitania (Pessac-Léognan, Bordeaux Superieur, Lalande de Pomerol, Pécharmant, Vin de Pays de Landes e Buzet) che ha messo efficacemente in luce le potenzialità del nuovo "concorrente" è evidente che ne sentiremo parlare ancora, anche perché pare che siano già stati fatti esperimenti piuttosto importanti, al punto che nelle tonnelleries della zona sono in produzione qualcosa come 6mila barrique...

Per ulteriori informazioni:
Chêne du Sud-Ouest - Origine et vins
6, Parvis de Chartrons - 33075 Bordeaux
telefono 05 56015470 - fax 05 56512808
chenes_o_vins@hotmail.com

28/6/2001