scrivici        vinealia         fatti         uve e vini         genti e terre         vino e         






 

Toscani investono in Bulgaria
Una nuova "terra promessa"?
 
La YAC 2000 è una società bulgara che però è controllata al 70 per cento da italiani, più precisamente dalla finanziaria Montalcino Invest, ovvero un gruppo di una trentina di imprenditori e professionisti. E fino a qui non si capisce perché la notizia dovrebbe essere di qualche interesse per un gruppo di "amici del vino", se non fose che la trentina di compatrioti è molto interessata al vino, anzi: ha costituito questa società proprio per acquistare 300 ettari di vigneto nel paese dell'Est, sicuramente non a digiuno in quanto tradizione vitivinicola.
Un progetto che ­ benchè sia iniziato diversi anni fa, nel 1997 ­ in pratica è solo agli inizi: fino ad oggi, infatti, si è proceduto all'acquisto de vigneti, ma sono già in fase di avanzata attuazione progetti e accordi per comperare qualche altro centinaio di ettari di ettari dove, tra l'altro, realizzare le cantine e tutit gli spazi destinati alla gestione dei processi di commercializzazione.
Una operazione che non solo tende ad "approfittare" della progressiva "occidentalizzazione" del Paese e delle sempre migliori condizioni economiche che vi si prospettano, ma che vuole anche essere un vero e proprio "laboratorio concreto" per la produzione di vini rossi e bianchi di qualità che saranno commercializzati, se tutto andrà secondo i piani, entro il 2004.

9/8/2001