scrivici        vinealia         fatti         uve e vini         genti e terre         vino e         






 

Francia: ancora "al ribasso"
Newsletter Ismea.it, 8-14 settembre 2003
 
Lo Scees lima ancora verso il basso la stima della PRODUZIONE VINICOLA FRANCESE. Stando infatti alle previsioni del 1° settembre, la vendemmia 2003 dovrebbe portare nelle cantine d'Oltralpe poco più di 48 milioni di ettolitri, in flessione dell'8% rispetto ai 52 dello scorso anno.
Si assiste quindi ad un'inversione di tendenza rispetto alle prime previsioni di luglio ed agosto che, invece davano in crescita la produzione transalpina rispetto al già scarso risultato del 2002.
L' attuale sarebbe così la peggior performance dal 1991, anno restato nella memoria dei produttori per le gelate primaverili.
Anche nel 2003 il persistere di avversità climatiche ha fortemente ridimensionato le potenzialità del vigneto francese.
Alle gelate primaverili, che hanno colpito la Valle della Loira e le regioni settentrionali, si sono aggiunte le grandinate che  sulla regione di Bordeaux.
Infine, ma solo in ordine cronologico, il caldo torrido dell'estate ed il deficit idrico sopportato dai vigneti.
In questa situazione la vendemmia 2003 è risultata in anticipo di ben tre settimane rispetto ad un normale calendario.

28/9/2003