scrivici        vinealia         fatti         uve e vini         genti e terre         vino e         






 

"A tavola con il Nobile" a Collazzi
Ecco la contrada che ha vinto l'ambito premio gastronomico
 
La contrada di Collazzi si è aggiudicata l'edizione 2005 de "A TAVOLA CON IL NOBILE", il premio gastronomico ideato dal giornalista Bruno Gambacorta del TG2 e organizzato dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano in collaborazione con il Magistrato delle Contrade.
La giuria, composta da trenta giornalisti provenienti da tutta Italia, ha deciso che, per il secondo anno consecutivo, la migliore cucina proposta è risultata appunto quella della contrada giallo-verde.
Il verdetto finale ha visto Collazzi trionfare con un solo punto di vantaggio rispetto a Coste (283 a 282) mentre leggermente più distanziate sono giunte le altre finaliste, Gracciano e Voltaia, a conferma dell'elevato livello raggiunto dal premio sia a livello qualitativo che di agonistico vero e proprio
Collazzi ha proposto nella fase eliminatoria, dedicata ai primi piatti, una zuppa di fagiano con lenticchie completando la sua raffinata offerta gastronomica con una faraona alla salsa di Collazzi con composta di uva.
Da sottolineare che tutte le otto contendenti hanno progettato e realizzato i piatti in gara avvalendosi solo delle competenze interne a ciascuna contrada; a questo proposito Bruno Gambacorta, presidente di giuria, ha rivolto un incondizionato elogio a tutte le cucine (anche a quelle delle quattro contrade escluse nella prima giornata ad eliminazione diretta e cioè Poggiolo, San Donato, Cagnano e Talosa), evidenziando il netto incremento del livello generale rispetto alle prime due edizioni.
Si è rivelata anche molto positiva le scelta del Consorzio del Vino Nobile di affidare a un esperto esterno ­ il responsabile della Condotta Slow Food Alberto Baraldi ­ la scelta dei vini da abbinare ai piatti che ha esaltato sia la qualità dei cibi sia il valore dei vini di qualità del territorio di Montepulciano.
Si chiude così anche la terza edizione della manifestazione che anno dopo anno sta crescendo nelle modalità di svolgimento divenendo per le contrade del Bravìo delle Botti un nuovo ed entusiasmante "tavolo" di scontro prima della fatidica gara dell'ultima domenica di agosto.
A fare da padrini alla appena trascorsa edizione molti ospiti d'eccezione che hanno fatto parte della giuria. Tra questi lo "storico" telecronista della Rai Bruno Pizzul, la campionessa di atletica leggera Sara Simeoni e l'avvocato e procuratore di calciatori Claudio Pasqualin.
"Arrivare a Montepulciano è sempre una grande gioia ­ ha commentato Bruno Pizzul durante la premiazione ­ e dover ripartire è ogni volta più spiacevole; per questo, ora che ho conosciuto il premio, il consorzio non si libererà tanto facilmente del sottoscritto".
Alla consegna della targa alla contrada vincitrice il presidente del consorzio, Massimo Romeo, si è detto particolarmente soddisfatto per la crescita della manifestazione gastronomica che, con l'ausilio e la partecipazione delle contrade, non fa altro che aumentare anno dopo anno l'entusiasmo che ruota intorno al Bravìo.
A fare da sfondo al Premio, oltre al tradizionale appuntamento in Piazza Grande con i produttori del consorzio nell'ambito di "Cantine in Piazza", l'inaugurazione della mostra fotografica "Nobili Profumi e Nobili Sapori. Storie di Vigne e di Persone" allestita nell'androne del Palazzo Comunale.

24/8/2005