scrivici        vinealia         fatti         uve e vini         genti e terre         vino e …        






 

Montepulciano:vendemmia storica
I primi rilievi annunciano un ottimo risultato
 
A Montepulciano i produttori si aspettano un 2006 DA RICORDARE per un Vino Nobile di grande qualità ed eccellenza. Sono queste le prime indiscrezioni a pochi giorni dall’inizio della raccolta del Prugnolo Gentile, la qualità di Sangiovese madre del Vino Nobile di Montepulciano. A dirlo sono le analisi che fuoriescono dai continui controlli in campagna che in questi giorni stanno compiendo le aziende.
Rispetto al 2005, anno in cui il clima bizzarro e imprevedibile aveva rappresentato causa di maggiore lavoro per i produttori in vigna e poi in cantina, a
Montepulciano l’andamento climatico piuttosto regolare del 2006 sta rappresentando un ottimo preambolo per la imminente vendemmia delle uve che andranno a produrre Vino Nobile di Montepulciano Docg e Rosso Doc.
Temperature in linea con le medie stagionali; piovosità regolare. In particolare i mesi di giugno e di luglio, privi di precipitazioni, hanno permesso alla vite di recuperare gradualmente il leggero ritardo del ciclo vegetativo arrivando al mese di agosto con una vegetazione rigogliosa e un netto ritardo dell’invaiatura delle uve. I primi giorni di settembre, caldi in modo non usuale, hanno definitivamente accelerato la sintesi delle sostanze zuccherine e polifenoliche.
"Siamo nei tempi di quella che amo definire un'annata continentale – afferma il presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, Massimo Romeocioè in cui la vendemmia del Sangiovese in Toscana, Prugnolo Gentile a Montepulciano, per i climi fino ad oggi è prevista nei periodi canonici". L’inizio del raccolto è previsto tra l'ultima decade di settembre e la prima di ottobre per quanto riguarda l’uva principe, il Sangiovese appunto, mentre per le uve internazionali la vendemmia è già iniziata. Buoni gli auspici anche sul prodotto.
" Un deciso lavoro di sfoltimento in vigna
– continua Romeo – potrà garantire maggiore qualità ai vini dell'annata 2006. Ancora una volta i produttori di Montepulciano hanno scelto la via della qualità, seppur a scapito della quantità, uno dei valori che da sempre caratterizzano il Vino Nobile".
Nel 2005 la vendemmia a Montepulciano aveva fatto registrare una perdita di prodotto pari al 12%, mentre la qualità dei vini è stata indicata con 4 stelle (il massimo è 5) durante la tradizionale Anteprima svoltasi a febbraio scorso.

24/9/2006