scrivici        vinealia         fatti         uve e vini         genti e terre         vino e         






 

Banear sbarca in India
Nuovo impegno per la grande cantina friulana
 
Mancava all’appello l’India, tra i pochissimi mercati internazionali ancora inesplorati da BANEAR, la più grande Cantina della provincia di Udine, con una produzione annuale di circa 4 milioni e 200 mila bottiglie. “Ora però – spiega Franco Canciani, responsabile commerciale della cooperativa di Treppo Grande – abbiamo contatti con i principali importatori indiani; prossimamente li inviteremo nella nostra cantina cooperativa, così potranno conoscere la nostra realtà, e una delegazione dell’India visiterà anche il nostro stand al Vinitaly”.
Merito della settimana trascorsa in India, grazie all’iniziativa delle Camere di commercio di Udine e Pordenone che ha permesso a 5 cantine friulane di promuovere i propri vini nel Paese orientale.
Franco Canciani, delegato per Banear, racconta l’intensa esperienza indiana. “Durante i sette giorni abbiamo toccato tre grandi città: Nuova Delhi, Bangalore e Mumbai, avendo circa venti incontri per proporre i nostri prodotti sia imbottigliati che sfusi. Un’esperienza che ha dato ottimi frutti: l’ultimo contatto è avvenuto addirittura pochi minuti prima di prendere l’aereo per ritornare in Italia. Per ora si tratta di conquistare piccole quote, ma il mercato potenziale in India si aggira intorno ai 60/100 milioni di clienti”.
Di certo, perché diventi reale è necessario aiutare gli indiani a cambiare alcune abitudini a tavola. “In India – testimonia Canciani – la cultura di abbinare il vino al cibo è ancora estremamente limitata; gli alcolici si bevono come aperitivo, o al bar nel dopo cena, raramente durante i pasti. Inizieremo quindi la distribuzione dei prodotti Banear dai ristoranti di alto livello che si trovano nelle principale catene di alberghi”.

31/3/2007