scrivici        vinealia         fatti         uve e vini         genti e terre         vino e         






 

Gancia presidente Federvini
Prende il posto di Piero Mastroberardino
 
Dopo sei anni di presidenza, Piero Mastroberardino, che ha mantenuto la carica per due mandati successivi, “passa il testimone" a Lamberto Vallarino Gancia, presidente della Gancia spa, che assume la presidenza di FEDERVINI (Federazione italiana industriali produttori, esportatori e importatori di vini, acquaviti, liquori, sciroppi, aceti ed affini) per il prossimo triennio.
Lamberto Vallarino Gancia – piemontese, nato a Canelli – si è laureato in Scienze della fermentazione, con specializzazione in Enologia, presso l’Università di Davis, in California. Esponente della quinta generazione della famiglia che possiede la Gancia fin dalla sua fondazione nel 1850, è Presidente della Gancia spa, la holding interamente controllata dalla famiglia che possiede la F.lli Gancia e altre controllate minori. Dal 2004 è presidente del Comitato europeo delle imprese del settore vinicolo (C.E.E.V.) con sede a Bruxelles ed è stato presidente del Sindacato vini speciali di Federvini.
Il ruolo che la Federazione ha da svolgere e le sfide da affrontare saranno prioritarie nell’agenda del neo Presidente Gancia, soprattutto di fronte alle prime mosse delle istituzioni appena rinnovate, in seguito alla recente tornata elettorale.
Pur sottolineando l’importanza della tutela ed il consolidamento delle posizioni raggiunte a livello mondiale, Lamberto Vallarino Gancia ha ribadito l’interesse di tutta la categoria di avere un consumatore sensibile alla qualità ed alle caratteristiche dei prodotti ed ha espresso l’auspicio che continui ad essere responsabile ed attento al consumo moderato, obiettivi raggiungibili soltanto con azioni di educazione ed informazione.
Le linee programmatiche generali della nuova presidenza saranno comunque di continuità con l’attività svolta sinora dalla Federvini.

L’assemblea generale della federazione è stata occasione per analizzare l’andamento del settore e le politiche future di intervento.
Il 2007 ha fatto registrare un ulteriore consolidamento delle esportazioni, con dati positivi per i vini, i liquori, le acquaviti e gli aceti; soffrono, in valore, i vini aromatizzati.
Le indicazioni che giungono dai primi mesi del 2008 lasciano comunque ben sperare.
Guardando al dettaglio dei Paesi di destinazione, si rileva: una stabilizzazione delle posizioni negli Stati Uniti; un’esplosione in Russia, soprattutto dal punto di vista del valore, con i prodotti di maggior immagine in evidenza; importanti segnali dalla Cina e dall’India, a conferma della validità della scelta di insistere con azioni mirate in quei mercati.
Sul mercato interno si conferma la linea di tendenza: l'Italia è caratterizzata da un consumo moderato e consapevole che premia i prodotti di sempre maggiore qualità.

Il consumo di vino, di liquori, di acquaviti, ha avuto un’ulteriore contrazione (-3,7% per il vino; -1,2% per il comparto liquori ed acquaviti); tuttavia quest’anno, per la prima volta, la commercializzazione di vino imbottigliato ha raggiunto i quantitativi del vino sfuso. “E’ un segnale interessante – ha commentato Piero Mastroberardinoperché mostra l’attenzione con cui il consumatore recepisce ed accompagna i nostri sforzi per migliorare la qualità e l’immagine dei prodotti".
Il presidente uscente ha concluso rilanciando il messaggio più volte ribadito e che sta a cuore a tutti gli imprenditori del settore: “E’ essenziale favorire una più ampia e profonda diffusione presso l’intera comunità nazionale dei principi e dei valori della cultura d’impresa, che ci sentiamo orgogliosi di interpretare e divulgare: efficienza, merito e valore rappresentano gli elementi necessari non solo a presidio della competitività del Paese, bensì per favorire un’educazione dei nostri giovani che consenta loro di aver fiducia nel domani, di sviluppare il senso del proprio contributo utile alla comunità sociale, in una società evoluta e capace di generare prospettive di un futuro migliore".

6/7/2008