scrivici        vinealia         fatti         uve e vini         genti e terre         vino e         

News
  giugno 2006
    Ais Piemonte
    Alsaziani
    Barbera meeting
    Bene il Nobile
    Bianchi a Soave
    Cervim
    Colli Orientali
    Costa Toscana
    Federvini
    Gaudio
    Grignolino
    Livon
    MiWine
    Nuove tendenze del vino
    Palio dei frizzanti
    Polpenazze del Garda
    Porto
    Progetto Vino
    Sommelier Ruinart"
    Strada del Franciacorta
    Trucioli
    Trucioli Ue
    Vini del Tribuno






 
Il Cervim si batte
Incontri nelle capitali europee per le viticoltura eroica
 
Giovedì 22 giugno, in tutte le capitali dell’Europa del vino (Roma, Parigi, Madrid, Lisbona, Berlino, Vienna, Budapest, Atene), si terrà una riunione concernente la riforma del mercato comune del vino (Ocm), che la Commissione agricoltura dell’Ue sta predisponendo. Prenderanno parte agli incontri i rappresentanti a livello nazionale delle organizzazioni socio-professionali dell’Ue e vi parteciperanno anche i rappresentanti del CERVIM (Centro di ricerche, studi, salvaguardia, coordinamento e valorizzazione per la viticoltura montana), ovvero delle regioni caratterizzate da viticolture di montagna e in forte pendenza d’Europa, vi parteciperanno.
Ormai da alcuni anni il Cervim si sta battendo per il riconoscimento a livello comunitario delle viticolture di montagna e in forte pendenza. L’obiettivo è che nella prossima riforma dell’Ocm vino sia previsto che ciascun Stato membro possa delimitare geograficamente le zone con viticoltura di montagna e in forte pendenza (pendenze del terreno maggiori del 30% e/o altitudine superiore ai 500 mt, ad esclusione dei sistemi viticoli in altopiano; sistemi viticoli su terrazze o gradoni; vigneti coltivati sulle piccole isole, caratterizzate da difficoltà strutturali e da effettivo e permanente carattere di isolamento) e sia autorizzato a non applicare il regime di divieto di impianto per tali viticolture.
La richiesta del Cervim, concordata fra tutte le regioni viticole aderenti (Italia: Valle d’Aosta, Lombardia, Piemonte, Liguria, Sicilia, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Provincia di Reggio Calabria e Abruzzo; Svizzera: Cantone Vallese e Canton Ticino; Spagna: Galizia; Portogallo: Douro; Germania: Renania-Palatinato; Austria: Wachau e Stiria; Francia: Banyuls-Collioure e Rhône-Alpes), è stata sostenuta dal presidente François Stevenin in occasione del seminario “Sfide e opportunità per i vini europei” organizzato dal commissario signora Fischer-Boel il 16 febbraio scorso a Bruxelles, al quale hanno preso parte rappresentanti dei vari settori della filiera.
A gran voce le stesse tesi sono state sostenute nel corso del Primo congresso internazionale sulla viticoltura di montagna e in forte pendenza, organizzato in collaborazione con la Regione Autonoma Valle d’Aosta, che si è tenuto a Saint Vincent il 17 e 18 marzo scorsi. In tale occasione la comunità scientifica e i rappresentanti delle istituzioni hanno sostenuto in coro la necessità di difendere, proteggere le realtà vitivinicole "eroiche" dal rischio di abbandono, mettendo in atto misure a preciso sostegno del settore.
Il 5 luglio prossimo le stesse convinzioni saranno sostenute dal direttore del Cervim Sara Colombera nel corso di una riunione dell’Ig-Vin, l’Intergruppo viticoltura, tradizione, qualità a Strasburgo, che sta mettendo in atto azioni specifiche nell’ambito della riforma dell’Ocm vino.
“E’ un momento della massima importanza – sostiene François Stevenin, presidente del Cervim– per le viticolture che da anni il Cervim si è impegnato a sostenere. Molte delle realtà vitivinicole eroiche sono oggi seriamente a rischio di abbandono. Sono necessari interventi specifici a sostegno del settore, al fine di conservare per le generazioni future dei monumenti rurali di rara bellezza, frutto nell’instancabile lavoro dell’uomo nel corso dei secoli. Il Cervim chiede sostegno a tutta la filiera produttiva. Le viticolture eroiche incidono pochissimo sull’economia del settore, ma diventano strategiche per la conservazione del territorio e del paesaggio”
Dal Censimento sulla viticoltura di montagna i numeri delle viticolture eroiche europee: 39 aree vitivinicole inserite in 17 regioni di 7 nazioni europee, più di 500mila persone coinvolte in oltre 200mila aziende che coprono una superficie di circa 90mila ettari.

 
20/6/2006

http://www.cervim.it