scrivici        vinealia         fatti         uve e vini         genti e terre         vino e …        

News
  maggio 2007
    America’s Cup
    Appello
    Bolgheri en primeur
    Camper
    Cantiniere dell’anno
    Cesarini Sforza
    Cesarini Sforza
    Costa toscana
    Fashion wine
    Fiera del Chiaretto?
    Franciacorta
    Full immersion
    Gianfranco Berta
    I colori del Bianco
    InAnteprima 2007
    Oltrepo Docg
    Papillon
    Provinea
    Russiz Superiore
    Sagrantino Passito
    Sangiovese
    Turismo
    Valdinievole
    Valdobbiadene
    Vini da pesce
    Vini perfetti
    Vinitaly-Giappone
    Vinum
    Wine for Peace






 
Gianfranco Berta presidente
Riconfermato ai vertici di “Astesana”
 
L’assemblea dei soci della Strada del vino Astesana ha rinnovato le cariche direttive, confermando PRESIDENTE Gianfranco Berta, grappaiolo in Casalotto di Mombaruzzo e vice-presidente Michele Chiarlo, titolare dell’azienda vinicola con sede in Calamandrana. Gli altri componenti il direttivo sono una produttrice di vini di Castel Boglione, Claudia Cordara, e un ristoratore di Calosso, Fabrizio Simonelli (Locanda Antichi Sapori), Andrea Ghignone presidente dell’Unione Ccollinare tra Langa e Monferrato, Gianfranco Torelli viticoltore e assessore alla Comunità montana Langa astigiana; un settimo componente sarà designato dalla prossima amministrazione comunale di Asti.
L’associazione ha raggiunto il numero di 200 Soci imprenditori, di cui 80 operatori turistici. Sono stati approvati il conto consuntivo del 2006 e l’attività svolta dalla Strada del vino, che ha completato il sistema segnaletico stradale e ha intensificato l’azione promozionale per il territorio; nel 2006 sono state attuate decine di azioni promozionali dedicate al Barbera d’Asti nei ristoranti e nelle enoteche di varie località italiane, con la partecipazione dei vini dei produttori di Astesana.
L’assemblea dell’associazione ha deciso di continuare su queste azioni e di ribadire il sostegno alla candidatura delle “Vigne del Piemonte” all’Unesco come patrimonio dell’umanità; impegno primario della Strada del vino sarà comunque la sperimentazione nel 2007 di un sistema organizzativo per il turismo specializzato in zona, a servizio dei Soci (operatori dell’accoglienza e aziende produttrici), in collaborazione con l’ufficio Iat di Canelli.
Sul piano nazionale Astesana continuerà la collaborazione con le Strade del vino della Lombardia e di altre regioni settentrionali.

 
13/5/2007