scrivici        vinealia         fatti         uve e vini         genti e terre         vino e …        

Degustazioni
    50 anni di Vorberg
    Alsace Grand Cru***
    Alsazia 2007 ***
    Alsazia 2008***
    Alto Adige
    AMARONE
    Amarone 2003 ***
    Amarone 2004 ***
    Amarone 2005 ***
    Amarone 2006 ***
    Amarone 2007 ***
    Amarone 2008 ***
    Amarone 2009 ***
    Amarone e Valpolicella ***
    Anteprima Bardolino 2009***
    Anteprima Bardolino 2010***
    Anteprima Bardolino 2012***
    Anteprima Bolgheri 2010 ***
    Anteprima Chianti 2013
    Anteprima Rufina 2010
    Anteprima Rufina 2011
    Anteprima Vernaccia di San Gimignano
    Apianae
Di Majo Norante
    Arezzo Terra di Vino ***
    Arezzo Vecchie annate ***
    Assaggi al Vinitaly ***
    Autoctono - GoWine ***
    Azienda Tedeschi
    Barbaresco ***
    BARBERA
    Barbera Nizza ***
    Bardolino 2011 ***
    BARDOLINO CHIARETTO
    Barolo 1996
    Bastianich ***
    BCM numero 3 ***
    Benvenuto Brunello Bergamo ***
    BereBio
    bio&dinamica
    Biologici ***
    Bolgheri
    Bolgheri ***
    Bolgheri 2003-2005 ***
    Bolgheri 2009 ***
    BOLLICINE
    Bollicine a Marostica
    Bollicine su Trento ***
    Bollicine su Trento ***
GRANDI ANNATE
    Bollicine su Trento 2010
    Bosco del Merlo
    Bovio
    Braide Mate e Alte
dalla Livon
    Broy
    Brunello 1990
    Burgenland ***
    Ca Andrea e Muda
Girasoli Sant'Andrea
    Calatrasi
    Campo Marzio '02
La Tunella
    CANNONAU
    Cannubi Boschis
di Luciano Sandrone
    Cantine De Falco ***
    Cantine di Caldaro
    Casa'
    Casale dello Sparviero
    Castelli Maria Pia
    Cesanese del Piglio
    Champagne a Milano***
    Chasse-Spleen 2001
    Chianti 2011 ***
    Chianti Riserva 2001
Frascole
    Chianti Rufina 2002
Frascole
    Chianti Rufina 2008 ***
    Chianti Rufina 2009 ***
    Chianti Rufina vs. Barbaresco ***
    Chiaretti del Garda***
    Colle di San Domenico
    COLLIO BIANCO
    Collio Sauvignon "Valtrussio" 2006
    Costa Toscana
Wine and food ***
    Costa Toscana Anteprima 2010 ***
    Costa Toscana
Anteprima 2008 ***
    Costa Toscana
Anteprima 2009 ***
    Costa Toscana
Anteprima 2007 ***
    Cotinone
Tenuta Coppadoro
    Custoza e altra Garganega
    Dal bicchiere alla vigna ***
    Dieci anni di Nizza ***
    Divin Orcia 2008 ***
    Divin Orcia 2009 ***
    Divin Orcia 2010 ***
    DiViniProfumi
    DOLCETTO ***
    Dolcetto a MIlano
    DolceVi 2007***
    Domaine Taupenot-Merme
    Donna Chiara
    Due rossi da Livon
    Elo Veni 2001
Leone de Castris
    Enantio & Casetta***
    Endrizzi
    Enoteca Enopassione***
    Erbaluce ***
    EuVite
    Falanghina Felix
    Falerno del Massico
da Masseria Felicia
    Famiglie dell’Amarone ***
    Felluga Livio
    Filippi
    Francia del Sud
    Franciacorta
    Franciacorta a Milano***
    Franciacorta festival
    Freewine Day ***
    Friulano & friends***
    Friuli Venezia Giulia
    GAVI
    Gewurztraminer
Simposio 2009 ***
    Gewurztraminer
Simposio 2007 ***
    Gnirega
    Grandi Crus
Costa Toscana 2000 ***
    GRANDI ROSSI DEL SUD
    Grands Crus
Bordeaux 2005 ***
    Grands Crus de Bordeaux***
    Grave del Friuli***
    Grumello
    Guerila
    Guerrieri Rizzardi
    Heres***
    Hofstatter
    I Balzini
    I vini del Palatinato ***
    Iasma
    Il Puro- Fattoria Lavacchio
    Il Trentino di Proposta Vini
    Italia in Rosa 2008
    Italia in Rosa 2009
    Italia in Rosa 2013
    Italia in Rosa ***
    Krimisa by Zito
    La prima del Torcolato
    La Rasenna
    La vie en rose'***
    LACRIMA
DI MORRO D'ALBA
    Lambrusco Cavicchioli
    Langhe Doc Favorita Casà
    Lazio
    Le cantine di Caldaro
    Le Famiglie dell'Amarone d'Arte
    Le loro Maesta' ***
    Le Marche da “Enopassione” ***
    Lessini Durello ***
    Letrari ***
    Livon 2000
    LUGANA
    Marche ***
    Mare e Vitovska ***
    Maremma Wine Shire
    Masari e Tenuta la Bertol
    Merano Wine Festival 2012 ***
    Mercato dei Vini FIVI ***
    Merlot Grandimani
    Mezzacorona
    MONTEPULCIANO
D'ABRUZZO
    Moscato d'Asti & Asti 2009***
    Mueller Thurgau ***
    Nebbiolo Grapes***
    Nebbiolo Prima ***
    NERO D'AVOLA
    NOBILI AROMU
    Non lo so
    Non lo so 2010
    Nosiola
    Novelli
    Nuova Zelanda ***
    Old Custoza
    Oltrepo Pavese
    Oreno 
    Passione di Vino ***
    Pecorino in verticale parallela
    Pedrotti
    Perlone e Rubino
Torboli
    Pescorosso
Tenuta Coppadoro
    Piacere Barbaresco 2008 ***
    Piacere Barbaresco 2009 ***
    Piacere Barbaresco 2010 ***
    PicenINvisibli
    Picolit en primeur ***
    PIGNOLETTO
    PINOT NERO
    Piro
    Podere Bell'Angelo
    Poggio al Vento
    PRIMITIVO
    Proposta Vini ***
    PROSECCO
    Prove di botte ***
    Quattro vini
da La Tunella
    Quignones
    RAMANDOLO
    Ratino
Tenuta Coppadoro
    Ravazzi
    Re Manfredi
Terre degli Svevi
    RECIOTO DI SOAVE
    REFOSCO
    RIBOLLA GIALLA
    Ribolla gialla '03
La Tunella
    Riedel
    Riesling di Germania ***
    Romagna
    Romano Dal Forno
    Rosa del Golfo
    ROSSO
DI MONTEPULCIANO
    ROSSO CONERO
    Rosso Montepulciano
Poliziano
    Roussillon
    Roussillon 2007
    Rufina-Borgogna***
    Südtirol St. Magdalener D.O.C.
    SAGRANTINO
    Sagrantino ***
    Sagrantino Colsanto
    Sagrantino di Montefalco***
    Sagrantino Scacciadiavoli ***
    Salento Sauvignon
Leone de Castris
    SALICE SALENTINO
    SALICE SALENTINO 2
    San Marco e Tufico
Colonnara
    San Ruffino Mutti
    San Vincenzo '02
Anselmi
    SANGIOVESE
DI ROMAGNA
    Santa Margherita
    Sassocheto 1997
Il Grappolo-Fortius
    Scirus Igt 2001
    Semplicemente uva
    Soave a Milano ***
    SOAVE SUPERIORE
    Solarco 2006 Livon
    Solarco 2008 Livon
    Sovversivi del gusto ***
    Stucchi
    Sud de France Igp ***
    Sud de France Worldwide
    Super Whites ***
    Super Whites 2009
    Super Whites 2010
    Super Whites 2011***
    Tai by Cavazza
    Tenuta San Marcello
    Tenuta Terre Nobili 2006
    Tenuta Terre Nobili 2007
    Tenuta Terre Nobili 2008
    Terre da tartufo ***
    Terre di Toscana ***
    Terre Nobili ***
    TOCAI FRIULANO
    Tocai Friulano '03
La Tunella
    Tocai friulano 2003
Forchir
    Traminer "Glére" '03
by Forchir
    Trentino Wine 2010***
    Trento Doc
    Tutti i colori del Bianco ***
    VALCALEPIO
    Valtellina ***
    VALTELLINA SFORZATO
    VERDICCHIO DI JESI
    VERDICCHIO RISERVA
    VERMENTINI D'ITALIA
    Vernaccia - Chenin Blanc ***
    VERNACCIA
DI SAN GIMIGNANO
    VERNACCIA
DI SERRAPETRONA
    Vernaccia di San Gimignano ***
    Vernaccia e Ribolla
    Vernaccia 2011 ***
    Vernaccia-Calce***
    Verticale Amarone
    Verticale Tommasi ***
    Vignaioli Alto Adige
    Vignaioli Alto Adige***
    Villa Matilde ***
    Vin Santo Doc 1997
Fattoria Le Sorgenti
    Vini biologici del Sud de France ***
    Vini d'Abruzzo***
    Vini della Nuova Zelanda***
    Vini di Romagna
    Vini italiani
    Vini rossi del vulcano
    Vinistra 2013
    Vinitaly 2010 1
    Vinitaly 2010 2
    Vino & Portici
    VINO NOBILE
DI MONTEPULCIANO
    Vins d'Alsace ***
    Vitovska ***
    Vulcania
    Vulcania 2010
    Vulcania 2011***
    Zimor






 
Degustazione Sforzato della Valtellina
luglio-novembre 2002
 
Eccoci alla nostra ultima degustazione per quest'anno, per questo 2002 oramai prossimo alla fine.
Per l'occasione abbiamo deciso di evitare i classici "vini da festa di fine anno" e siamo andati a confrontarci con quel vino davvero speciale che è lo SFORZATO (o Sfursat, come vuole la tradizione locale) della Valtellina. Crediamo sia giusto definirlo "speciale", perché nasce in un contesto geologico e climatico particolare, prodotto in condizioni apparentemente ostili per un grande vino da contadini e vignaioli che ostinatamente hanno impiantato, decennio dopo decennio, i vigneti in un territorio letteralmente strappato alla montagna; un vino ancora oggi prodotto secondo modalità e criteri consolidati da secoli e che proprio per questo mantiene caratteristiche e peculiarità uniche, valorizzate anche nei tempi recenti, che ne hanno fatto uno dei vini nobili dell'enologia del nostro paese e dove la pratica della forzatura delle uve (da cui il nome del vino) cioè il loro appassimento in locali appositi (i fruttai), è uno dei momenti più significativi in cui l'antica tradizione viene reiterata.
Parlare dello Sforzato significa parlare quindi di una viticoltura eroica fatta di terrazzi e di muretti a secco, basata sul lavoro duro e sugli sforzi sovrumani delle genti di queste terre, che hanno davvero modificato nei secoli la morfologia di un territorio oggi caratterizzato da un paesaggio unico di reticoli e di geometrie di vigneti disegnati sul versante retico della Valtellina che è ogni la più grande area viticola terrazzata d'Italia, terza in Europa dopo l'Alto Jura ed il Vallese, con le sue 15mila terrazze conformate da ben 2500 chilometri di muretti a secco. Un panorama splendido per il viaggiatore che attraversi la Valle, oggi come nel passato.

Una premessa...
Con la Valtellina fin dalla nostra nascita abbiamo intessuto un rapporto "preferenziale", un rapporto di cui abbiamo scelto di costruire una nuova tappa dedicando una delle nostre degustazioni "consumatori-esperti" proprio allo Sforzato.
Dunque abbiamo chiesto ai produttori valtellinesi di inviarci tre bottiglie dell'ultima annata messa in commercio dei loro Sforzati, e di consegnarle entro il 30 agosto 2002 presso la sede del Consorzio tutela vini Valtellina che ­ grazie soprattutto al direttore, Carlo Alberto Panont ­ ci ha offerto la sua preziosissima collaborazione.
La doppia commissione ­ panel e consumatori ­ si è riunita venerdì 11 ottobre 2002.

Un pizzico di storia...
La coltivazione della vite in Valtellina caratterizza da sempre l'agricoltura di questi territori. Secondo alcuni studiosi furono probabilmente gli Etruschi ad insegnare le prime tecniche vitivinicole alle locali popolazioni di ceppo celto-ligure ed evidentemente questo tipo di coltivazione attecchì e si sviluppò abbastanza rapidamente dal momento che già in epoca romana la valle era un importante centro di commercio e di traffico di vino; Virgilio apprezzava e celebrava il "vino retico" prodotto in questi luoghi, mentre Plinio e Strabone raccontano nelle loro storie di enormi botti di legno usate in queste terre per conservare il vino. Sembra però che, in epoca post-romana, furono i monaci a iniziare la coltivazione della vite secondo tecniche e modalità più vicine a quello che noi oggi conosciamo. Essi diedero il via a una profonda opera di bonifica e introdussero la tecnica dei terrazzamenti per facilitare ed estendere l'impianto delle vigne. Secondo alcuni studiosi furono proprio loro inoltre a introdurre la coltivazione del Nebbiolo in Valtellina ( chiamato Chiavennasca, in loco) che sarebbe diventato la materia prima più preziosa per produrre il vino in queste terre.
Nel corso del Medioevo la fama dei vini di questi territori si diffuse ben al di là delle Alpi, anche perché il notevole tasso alcolico e i tannini nobili, oltre al clima piuttosto freddo, ne facilitavano la conservazione e, conseguentemente, la possibilità di trasporto anche per lunghe tratte senza che la qualità del vino stesso ne risultasse alterata. Ovviamente, i vini di queste terre erano rinomati anche al di qua delle Alpi, tant'è che i Visconti prima e gli Sforza poi cercarono di mantenere saldo il controllo di queste terre (e della preziosa bevanda) attraverso l'elargizione di privilegi e l'esenzione dalle gabelle.
In quell'epoca, il grande Leonardo da Vinci annotava nei suoi codici che la "Voltolina valle circundata d'alti e terribili monti, fa vini potenti assai ".
Il vino era ormai definitivamente uno degli elementi attorno a cui ruotava l'economia della Valle e non è improbabile che l'occupazione della Valtellina nel 1512 da parte degli svizzeri dei Grigioni sia avvenuta proprio per la volontà degli invasori di impossessarsi completamente del monopolio del vino, preziosa fonte di ricchezza, in un territorio che, sul lato "italiano", comprendeva la Valtellina e la Valchiavenna. Consci del fatto che la qualità del vino era un fattore indispensabile per continuare ad alimentarne la fama (e il commercio), furono proprio gli svizzeri, secondo alcuni documenti emersi, a introdurre una sorta di prototipo di disciplinare di produzione, nel quale si imponeva ai contadini di coltivare solo quelle varietà tradizionalmente impiegate per la produzione dei vini della valle, ovvero Chiavennasca, Pignola, Brugnola e Rossola, che sono poi ancor oggi quelle che vengono indicate nei disciplinari per gli uvaggi del vino di Valtellina.
Venendo specificamente allo Sforzato, risale al periodo di dominazione dei Grigioni uno dei primi documenti in cui appare una descrizione di questo vino; Ortensio Lando un viaggiatore che nel 1550 si trovò ospite di Azzo Besta in quel di Teglio, così scriveva: "bevei di un vino detto il vino delle sgonfiate, credo fermamente ch'egli sia il miglior che al mondo si beva". Secondo il Lando, questo vino era talmente eccezionale che "l'infermo abbandonato da medici, et per morto da cari parenti pianto, et solo con il vino delle sgonfiate essersi risanato". Appare chiaro che le "sgonfiate" altro non erano che le uve appassite nei fruttai secondo le tecniche che ancora oggi vengono seguite per la produzione dello Sforzato.
Più tardi, nel 1616, Giovanni Guler Von Weineck, ex governatore della regione, nel suo libro intitolato "Raetia", annotava: "Si appresta anche un buon vino dolce che viene chiamato passito dalla maniera con cui i grappoli, dopo essere colti, vengono esposti sulla paglia per certo tempo, prima di essere pigiati". Divenne sempre più rinomato un vino liquoroso talvolta chiamato Aromatico che, secondo le dissertazioni dell'abate Quadrio (1755) aveva grandissima reputazione un po' in tutta Europa, fino all'Inghilterra dove aveva ricevuto persino gli apprezzamenti del re Giorgio I.
Giunti all'Ottocento, vale la pena di ricordare Cesare Cantù che, parlando della Valtellina nella sua illustrazione del regno lombardo-veneto, scriveva: "Era lodato anche il vino sforzato di Tirano, Villa, Bianzone e l'aromatico che massime a Chiavenna faceasi d'uva appassita e teneasi in botti che non si svuotavano mai, ma ogni anno si ricappellavano".
Insomma, come si vede una storia fatta di continui riconoscimenti per un vino nobile che non ha mai smesso di essere apprezzato dagli uomini di queste terre e non. Vale la pena di segnalare ancora alcuni eventi importanti nel quadro più generale della valorizzazione del settore vitivinicolo valtellinese: la nascita nel 1971 della Fondazione Fojanini, istituto di studi superiori di enologia, divenuto ben presto punto di riferimento d'avanguardia per tutti i viticoltori della provincia, e il riconoscimento della Docg anche per lo Sforzato, che avviene dunque nel nuovo millennio; la provincia di Sondrio diviene quindi una delle poche zone vitivinicole di pregio con due Docg e per di più in un'area di produzione che supera di poco gli 850 ettari!

Attorno al vino...
Veniamo ora a parlare del vino, lo Sforzato, che abbiamo avuto il piacere di assaggiare, grazie anche ai dodici produttori che hanno inviato i loro campioni per la nostra serata di degustazione e che quindi ringraziamo di cuore: ci hanno davvero dato la possibilità di assaggiare dei prodotti molto buoni, così che, mai come questa volta, è veramente il caso di dire che, almeno per i consumatori, la graduatoria finale ha rappresentato solo un aspetto secondario della degustazione, dal momento che la qualità di tutti i vini bevuti è parsa ai presenti davvero notevole (anche se, come vedremo, il parere degli esperti è un po' diverso ...).
Vale inoltre la pena di ricordare che ha accettato di partecipare praticamente la quasi totalità dei produttori di Sforzato, che per le nostre degustazioni è davvero una ottima percentuale: ancora grazie, dunque. Tra l'altro, è interessante sottolineare questo piccolo paradosso valtellinese, che a fronte di poche decine di produttori/imbottigliatori, peraltro di grandissime tradizioni (una brochure distribuita dal Consorzio Vini Valtellina, elenca 21 produttori associati), esistono più di 2mila viticoltori a testimonianza di quanto la cultura (oltre che la coltura) della vite sia profondamente radicata tra la gente della Valle.
Prima di parlare più in dettaglio dello Sforzato, diciamo qualcosa pure sulle varietà, già citate in precedenza, che entrano nell'uvaggio di questo prezioso vino, rimandando per un'informazione più completa alla nostra pagina dedicata appunto ai vitigni. Accanto a varietà come la Brugnola (detta anche Fortana), la Rossola e la Pignola destinate a entrare nell'uvaggio in percentuale comunque non superiore al 5 per cento l'uva fondamentale per lo Sforzato ­ e più in generale per i vini di Valtellina ­ è il Nebbiolo, o meglio, la Chiavennasca, come viene chiamata nella valle.
Non è chiaro il periodo storico in cui il Nebbiolo venne introdotto nella Valle; le notizie certe in merito alla sua diffusione risalgono comunque "solo" al XVI secolo. Sicuramente il vitigno si è perfettamente adattato a questo territorio, in particolare sul versante solivo, e anzi ha sviluppato una sua peculiarità "locale", tant'è che la Chiavennasca è ormai praticamente considerata una sottovarietà di Nebbiolo, e questo è certo uno dei fattori che contribuisce a caratterizzare un grande vino come lo Sforzato. Sull'origine del nome "Chiavennasca", esistono almeno due versioni diverse: secondo alcuni, deriverebbe da "ciù venasca", cioè [vitigno] con più vena, ossia più vigoroso; secondo altri, significherebbe invece "ciù vinasca", ovvero che dà più vino.

Lo Sforzato
Ma eccoci allora a parlare finalmente del vino che abbiamo assaggiato. È dunque il momento di dare qualche dettaglio sulla produzione dello Sforzato e più in generale dei vini di Valtellina. La notizia più importante, cui abbiamo già fatto cenno, è che lo Sforzato è ormai a tutti gli effetti una Docg: sulla Gazzetta Ufficiale n. 238 del 10 ottobre 2002, è stato pubblicato il parere favorevole espresso dal Comitato nazionale per la tutela e la valorizzazione delle Denominazioni d'origine, relativo alla domanda di riconoscimento della Docg del vino "Sforzato di Valtellina" o "Sfursat di Valtellina".
Lo Sforzato, diventa così il prodotto di punta di una complessa piramide vinicola di qualità che, in Valtellina, vede alla sommità proprio lo Sforzato Docg e poi la Docg del Valtellina Superiore, assegnata nel 1998, con le sue celeberrime sottozone Sassella, Grumello, Inferno e Valgella, cui si aggiunge la nuova sottozona di Maroggia (25 ettari nel Terziere di Mezzo, vicino Berbenno) anch'essa da poco riconosciuta. Alla base della piramide, il Rosso di Valtellina, Doc ottenuta nell'ormai lontano 1968, ed infine l'Igt Terrazze Retiche. Anche in questo caso per maggiori dettagli sui disciplinari rimandiamo alla nostra pagina sulle Docg, realizzata in collaborazione con l'Enoteca Italiana di Siena.
Allegata come sempre pubblichiamo però anche la scheda tratta dal sito del ministero della Politiche agricole, relativa allo Sforzato, che fa ancora riferimento alla Doc istituita nel 1968, ma che comunque concerne i campioni in assaggio nella nostra degustazione, tutti ovviamente ancora etichettati come Doc, viste le annate di produzione (tra il 1996 e il 1999).

Valtellina Sforzato o Sfursat Doc Valtellina
Istituito con decreto del 11/08/1968
Riportato su Gazzetta Ufficiale 25/09/1968, n. 244
Resa uva/ettaro: 100 quintali
Resa massima uva/vino: 60.0 per cento
Titolo alcolometrico minimo naturale dell'uva: 14.0%
Colore: rosso rubino con eventuali riflessi granato
Odore: intenso con sentori di frutti maturi, ampio
Sapore: grande morbidezza, strutturato e di carattere, con eventuale percezione di legno
Titolo alcolometrico totale minimo del vino: 14.0%
Estratto secco netto minimo: 25.0 per mille

Per completezza alleghiamo anche la scheda tecnica riguardante il Valtellina Superiore Docg.

Valtellina Superiore Docg Valtellina Superiore
Istituito con decreto del 24/06/1998
Riportato su Gazzetta Ufficiale 16/07/1998, n. 159
Resa uva/ettaro: 80 quintali
Resa massima uva/vino: 70.0%
Titolo alcolometrico minimo naturale dell'uva: 11.0%
Colore: rosso rubino tendente al granato.
Odore: profumo caratteristico, persistente che diviene piu' sottile e gradevole con l'invecchiamento.
Sapore: asciutto, leggermente tannico, austero, vellutato, armonico e caratteristico.
Titolo alcolometrico totale minimo del vino: 12.0%
Estratto secco netto minimo: 22.0 per mille

Prima di parlare dei risultati della nostra degustazione, spendiamo ancora qualche parola sullo Sforzato. Innanzitutto, la resa per ettaro (80 quintali), bassa, che si trasforma in una resa massima in vino di 40 ettolitri; in pratica una riduzione del 50 per cento, legata anche ai 110 giorni di appassimento trascorsi dalle uve nei fruttai, prima della vinificazione, come la tradizione secolare comanda. Ed è questa ormai una prassi per i produttori di Sforzato: parlare di rese in vino per ettaro invece che in uva per ettaro, identifica in realtà un livello di controllo più stringente che non il solito parametro quintali-uva per ettaro. In pratica, viene determinata in assoluto la quantità di vino che è possibile produrre e questo rappresenta automaticamente un fattore importantissimo che garantisce il controllo della qualità finale del prodotto, qualità assicurata anche dal fatto che per lo Sforzato devono essere usate solo uve di prima scelta.
Lo Sforzato è un vino che più di altri è legato ad un territorio e alle sue tradizioni e ci sono alcuni elementi fondamentali che determinano la peculiarità di questo vino. In primo luogo, come detto, il vitigno che si è adattato, quasi ricaratterizzandosi, al territorio.
In secondo luogo, i fruttai, i locali per l'appassimento delle uve, che devono essere asciutti e ben areati, che anche per questo non sono a fondo valle ma in alto, giustificando ancora di più la definizione di "vino di montagna" spesso attribuita a questo vino.
E poi i lieviti, che sono indigeni, da secoli sviluppati da ceppi locali senza alcuna contaminazione o innesto dall'esterno.
La fermentazione, infine, che comincia in inverno inoltrato ed è quindi lenta, anche per il lento discioglimento degli zuccheri, e ciò determina una crescita più equilibrata del vino, che, ricordiamo, necessita comunque di almeno 24 mesi di maturazione e di affinamento, prima in legno per almeno un anno e poi in bottiglia, prima di essere messo in commercio.
Ma rompiamo gli indugi ed eccovi, dunque, la classifica espressa dal gruppo dei consumatori, affiancata, come sempre, da quella espressa dal panel di esperti. Di fianco al punteggio espresso dai consumatori (in rosso, nell'ultima riga del testo dedicato a ogni campione) potrete trovare (in nero) il punteggio dato dal panel e, tra parentesi, la posizione in classifica secondo il panel stesso.

1° - Valtellina Doc Sforzato 1997
bottiglie prodotte 35mila; prezzo medio al pubblico euro 16,00
Casa Vinicola Nera
Via IV Novembre, 43 - 23030 Chiuro (Sondrio)
telefono 0342 482631 - fax 0342 483796
info@neravini.com - www.neravini.com
consumatori 90,5;  panel 83.1 (1°)

2° - Valtellina Doc Sforzato "Messere" 1999
bottiglie prodotte 10mila; prezzo medio al pubblico euro 28,00
Azienda agricola Caven
Via IV Novembre, 43 - 23030 Chiuro (Sondrio)
telefono 0342 482631 - fax 0342 483796
info@neravini.com - www.neravini.com
consumatori 88,5;  panel 79.8 (2°)

3° - Valtellina Doc Sfursat "Fruttaio Ca' Rizzieri" 1999
bottglie prodotte 23.600; prezzo medio al pubblico euro 30,00
Casa Vinicola Aldo Rainoldi
Via Stelvio, 128 - 23030 Chiuro (Sondrio)
telefono 0342 482225 - fax 0342 483775
rainoldi@rainoldi.com - www.rainoldi.com
consumatori 86,5;  panel 77.8 (5°)

3° - Valtellina Doc Sfursat 1999
bottiglie prodotte 82mila; prezzo medio al pubblico euro 18,00
Casa Vinicola Nino Negri
Via Ghibellini, 3 - 23030 Chiuro (Sondrio)
telefono 0342 482521 - fax 0342 482235
negri@giv.it - www.giv.it
consumatori 86,5;  panel 71.6 (12°)

3° - Valtellina Doc Sfursat 1997
bottiglie prodotte 73 mila; prezzo medio al pubblico euro 20,00
Casa Vinicola Nino Negri
Via Ghibellini, 3 - 23030 Chiuro (Sondrio)
telefono 0342 482521 - fax 0342 482235
negri@giv.it - www.giv.it
consumatori 86,5;  panel 78.2 (4°)

4° - Valtellina Doc Sforzato "Canua" 1999
bottiglie prodotte 36mila; prezzo medio al pubblico euro 27,00
Conti Sertoli Salis
Piazza Salis, 3 - 23037 Tirano (Sondrio)
telefono 0342 710404 - fax 0342 710428
info@sertolisalis.com - www.sertolisalis.com
consumatori 86;  panel 73.5 (11°)

5° - Valtellina Doc Sfursat "Vin da ca'" 1997
bottiglie prodotte 40mila; prezzo medio al pubblico euro 17,00
Plozza Vini
Via San Giacomo, 22 - 23037 Tirano (Sondrio)
telefono 0342 701297 - fax 0342 701297
info@plozza.ch - www.plozza.ch
consumatori 84,5;  panel 79.6 (3°)

5° - Valtellina Doc Sfursat 1999
bottiglie prodotte 6mila; prezzo medio al pubblico euro 23,00
Casa Vinicola Aldo Rainoldi
Via Stelvio, 128 - 23030 Chiuro (Sondrio)
telefono 0342 482225 - fax 0342 483775
rainoldi@rainoldi.com - www.rainoldi.com
consumatori 84,5;  panel 75.8 (9°)

6° - Valtellina Doc Sforzato "Tre Leghe" 1997
bottiglie prodotte 500; prezzo medio al pubblico euro 16,00
Enologica Valtellinese - Gruppo Italiano Vini
Via Ghibellini, 3 - 23030 Chiuro (Sondrio)
telefono 0342 482235 - fax 0342 482235
consumatori 84;  panel 74.2 (10°)

7° - Valtellina Doc Sforzato 1999
bottiglie prodotte 75mila; prezzo medio al pubblico euro 21,00
Casa Vinicola Triacca
Via Nazionale, 121 - 23030 Villa di Tirano (Sondrio)
telefono 0342 701352 - fax 0342 704673
info@triacca.com - www.triacca.com
consumatori 82;  panel 76.1 (8°)

8° - Valtellina Doc Sforzato 1998
bottiglie prodotte 2.500; prezzo medio al pubblico euro 16,00
Pelizzatti - Gruppo Italiano Vini
Via Ghibellini, 3 - 23030 Chiuro (Sondrio)
telefono 0342 482235 - fax 034 482235
consumatori 79;  panel 77.3 (6°)

9° - Valtellina Doc Sforzato "Tinaia" 1996
bottiglie prodotte 6.400; prezzo medio al pubblico euro 17,00
Terra di vigne - Cantina di Villa
Via Campagna, 17 - 23030 Villa di Tirano (Sondrio)
telefono 0342 795107 - fax 0342 795107
ccvb@novanet.it
consumatori 78;  panel 73.5 (11°)

10° - Valtellina Doc Sfursat 1997
bottiglie prodotte 2mila; prezzo medio al pubblico euro 22,00
Fondazione "Fojanini" - Azienda agricola "La Castellina"
Via Valeriana, 32 - 23100 Sondrio (Sondrio)
telefono 0342 512954 - 0342 513391 - fax 0342 513210
fojanini.segreteria@provincia.so.it - www.fondazionefojanini.it
consumatori 77,5;  panel 77 (7°)

11° - Valtellina Doc Sforzato "Vigneti di Spina" 1999
bottiglie prodotte 7mila; prezzo medio al pubblico euro 23,00
Casa Vinicola F.lli Bettini
Via Nazionale, 68 - 23030 San Giacomo di Teglio (Sondrio)
telefono 0342 786068 - fax 0342 786535
bettvini@tin.it
consumatori 75,5;  panel 70.8 (13°)


Il commento alla degustazione
Siamo così giunti al commento dei risultati della degustazione. Si evidenzia subito come, una volta tanto, i consumatori abbiano valutato i campioni presenti in maniera decisamente più positiva che non il panel degli esperti. È successo dunque che davanti a un ottimo riscontro pervenuto dai consumatori si contrappone una risposta più critica da parte degli esperti. Nel complesso, quindi, classifiche e giudizi piuttosto diversi, espressi dai due gruppi e ad onor del vero non è certo una novità. Vediamo allora cosa è emerso dai due panel di assaggio, partendo, secondo costume, da quello dai consumatori.
Come sempre, il dopo-degustazione è stato un momento di confronto tra i partecipanti alla degustazione, durante il quale i consumatori si sono scambiati commenti e opinioni sui vini appena assaggiati e valutati. Andiamo a riassumere i punti salienti che sono emersi nel corso della discussione.
In generale, il livello qualitativo medio dei vini presenti alla degustazione è stato giudicato decisamente alto, con punte di assoluta eccellenza; nessun campione ha preso meno di 75 punti, che per le degustazioni dei nostri gruppi di consumatori è soglia di assoluto rispetto. Chi tra i presenti ha partecipato a più di una delle nostre degustazioni si è persino sbilanciato ad affermare che è stata probabilmente una delle serate di assaggio più ricche e positive dal punto di vista della qualità dei prodotti assaggiati.
Vini nel complesso molto buoni e addirittura ottimi, dove sono state valutate positivamente caratteristiche tipiche del vino come la struttura e la potenza, ma anche la morbidezza e l'equilibrio. Interessante sottolineare come l'alcool, seppur evidente in parecchi dei campioni assaggiati, sia stato percepito come elemento positivo, organico e strutturale a un tipo di vino come lo Sforzato, mentre in altre degustazioni, come per esempio quella della Vernaccia di San Gimignano, lo stesso elemento, quando recepito come troppo evidente, era stato considerato quasi come fattore di disturbo. In questo senso è forse utile aggiungere che ­ a differenza di altre occasioni, in cui il vino in degustazione risultava poco conosciuto ai consumatori e, quindi, in alcuni casi le aspettative potevano discostarsi abbastanza dalle caratteristiche tipologiche del vino che gli stessi consumatori si accingevano ad assaggiare ­ in questo caso praticamente tutti i presenti hanno dichiarato di conoscere lo Sforzato e di aspettarsi quindi, contestualmente, un vino potente ed alcolico: C'è da pensare che l'alcool sia stato riconosciuto proprio come uno degli elementi più identificativi dello Sforzato.
Veniamo ora ad analizzare quanto emerso dai commenti dei consumatori relativi ai primi classificati tra i vini in degustazione. Al primo posto della classifica consumatori si piazza il Valtellina Doc Sforzato 1997 della Casa vinicola Nera che i consumatori hanno reputato in generale molto piacevole, morbido, con profumi assai intensi e fruttati; in bocca è sembrato pieno e potente, anche se non spiccatamente persistente, con un residuo zuccherino percepito da alcuni tra i presenti.
In seconda posizione si colloca il Valtellina Doc Sforzato "Messere" 1999 dell'Azienda agricola Caven (da notare che si tratta di un "marchio" di proprietà della Nera, che, dunque, fa man bassa delle prime posizioni). Il colore è stato giudicato molto bello e intenso; i profumi prevalenti segnalati sono stati quelli della frutta, in particolare sotto spirito, e al gusto è parso pieno e persistente con un evidente residuo zuccherino. Un vino equilibrato e morbido, ma dalla personalità particolare, dal momento che qualcuno l'ha percepito come abbastanza diverso da tutti gli altri.
Al terzo posto si piazzano ben tre vini: il Valtellina Doc Sfursat "Fruttaio Ca' Rizzieri" 1999 della Casa vinicola Rainoldi ed i Valtellina Doc Sfursat 1999 e 1997 entrambi della Casa vinicola Negri. Il "" è sembrato molto elegante e piacevole, pieno e morbido in bocca e dai profumi molto accentuati e interessanti. È parso pure un vino costruito (bene) secondo canoni internazionali, ma mentre qualcuno l'ha etichettato come "poco tipico", per altri il legno è sembrato fin troppo evidente e un tantino eccessivo.
Lo Sfursat 1999 di Negri ha colpito molto per il colore scuro, intenso, dai riflessi brillanti, forse privilegiando in ciò più il canone attualmente in voga che non la tipicità del vino; i profumi sono stati giudicati pieni e persistenti con note fruttate e di cuoio e sentori leggeri di idrocarburi. Al palato è parso armonico, morbido, pieno e intenso.
Dal canto suo, lo Sfursat 1997 della stessa azienda, è piaciuto soprattutto alla bocca dove, secondo i consumatori, ha rivelato equilibrio e buona presenza alcolica, tanto da fare passare in secondo piano i sentori di riduzione segnalati da una parte degli assaggiatori.

La parola agli esperti...
Di diverso tenore quello che emerge dalla degustazione degli esperti, anche se c'è da sottolineare ­ quantomeno ­ una sintonia con il gruppo consumatori per quel che riguarda l'ordine di classifica. Ecco quindi, come sempre, il resoconto redatto dalla coordinatrice del panel degli esperti, Mirka Frigo:
"La tipologia Sforzato era nota a tutti i componenti del panel, che si sono approcciati alla sua degustazione con un'adeguata "preparazione" e conoscenza.
Come si vede dalla classifica solo un campione ha superato gli 80 punti. Otto campioni si trovano nella fascia da 75 a 80 e cinque da 70 a 75. Valori non alti, considerando che il valore minimo nei concorsi per accedere a selezioni ulteriori deve superare la soglia di 80, ma soprattutto tenendo conto che i ricordi degustativi, che i componenti del panel avevamo dello Sforzato, erano quelli di un vino di buono, se non ottimo, livello qualitativo.
Lo scarto + 5 / - 5 è stato necessario per sette dei campioni degustati, quindi nella metà delle situazioni il panel si è trovato "allineato" (fatto verificatosi anche nel caso delle posizioni seconda e terza).
Nelle prime tre posizioni si sono classificati nell'ordine il Valtellina Doc Sforzato 1997 dell'azienda Nera, con 83,1 punti; il Valtellina DOC Sforzato "Messere" 1999 del azienda Caven, con 79,8 ; il Valtellina DOC Sfursat "Vin da ca" 1997 dell'azienda Plozza Vini, con 79,6.
Il primo vino classificato ci ha ben impressionato con il suo colore rosso rubino tendente al granato. Al naso abbiamo rilevato profumi di notevole finezza, con una buona intensità e sviluppo di sentori diversi, tra cui abbiamo riconosciuto piccoli frutti rossi di bosco, leggere note speziate e leggero ricordo di vaniglia. Gusto "morbido" anche se avvertita una gradevole presenza di tannini e la nota alcolica. Il corpo era ben sentito, così come l'intensità gustativa e la durata (persistenza) delle sensazioni gustative stesse.
Il secondo campione in graduatoria ha colpito per il colore vino rosso granato intenso. Intenso ma elegante al naso con piacevoli note di frutta cotta. Ben avvertiti in bocca i tannini che lo rendono abbastanza equilibrato anche se con buone chances di evoluzione. Ritroviamo a livello gustativo la frutta cotta, avvertita all'esame olfattivo ed una positiva persistenza.
Il terzo arrivato, infine. Vino dal colore rosso granato con riflessi mattonati. Al naso si presenta abbastanza intenso e con discreto sviluppo di sentori diversi, tra cui riconosciamo la frutta cotta. Al gusto abbiamo trovato una discreta esplosione di sapori. Buona l'acidità e gradevole la sua leggera sapidità. Tannini ben avvertiti che pregiudicano leggermente l'equilibrio, fatto tuttavia che ci lascia pensare ad una positiva evoluzione in bottiglia di questo vino. Buona la "durata" gustativa del vino.
I campioni giunti nelle ultime tre posizioni presentavano una connotazione olfattiva non positiva (legno non pulito, feccia, botte vecchia), mentre al gusto hanno tutti e tre denotato una non gradita nota amarognola con corrispondente lacuna per quanto riguardava l'armonia."

Prima di passare all'ultimo argomento di questo resoconto vogliamo segnalare come sui primi due vini classificati ci sia stata una unanime valutazione da parte dei due gruppi di assaggio, un fatto che dobbiamo ammettere che non capita di sovente.

Qualità e prezzo
Anche per questa degustazione siamo infine giunti alle usuali note sul rapporto qualità prezzo (q/p), che da questo secondo ciclo di degustazioni sono state introdotte allo scopo di fornire a chi ci segue un quadro il più possibile esaustivo relativamente al vino di cui stiamo parlando. È bene ricordare ancora una volta che nel nostro tipo di valutazione per ogni campione il parametro "qualità" è rappresentato dal punteggio assegnato dai consumatori nell'ambito della degustazione, mentre il parametro "prezzo" è costituito dal prezzo medio al pubblico della bottiglia che ci viene comunicato dal produttore e che è riportato nell'elenco-classifica.
Analizzando punteggi e prezzi riportati, balza subito all'focchio che il valore medio del rapporto qualità/prezzo per lo Sforzato è abbastanza basso (4.14) se confrontato con quello di altri vini (per esempio, la Vernaccia di S.Gimignano aveva fatto segnare un 12.07); considerando che i parametri qualitativi formulati dai consumatori (i punteggi, in pratica) sono alti, questo significa che, ahimè, lo sono anche i prezzi. Certo in considerazione di quello che sappiamo sullo Sforzato, del contesto, della difficoltà e del rigore qualitativo in cui esso viene prodotto (il costo di produzione è necessariamente più elevato che altrove), una volta tanto probabilmente dobbiamo accettare il fatto che i prezzi possano apparire alti, in alcuni casi diremmo quasi proibitivi per un consumatore medio non proprio appassionato di vino. D'altra parte, la cosa più interessante da notare è che il vino che presenta il miglior rapporto q/p (5.65) è proprio lo Sforzato Doc 1997 di Nera, ovvero il primo in classifica secondo i consumatori e gli esperti. Dunque, nel contesto di questa degustazione, ottima qualità e prezzo accessibile per questo vino che oltretutto mostra un buon volume di produzione (35mila bottiglie), il che dal nostro punto di vista, ci piace sottolinearlo, rappresenta un ulteriore fattore di merito nei confronti del consumatore (maggiore reperibilità sul mercato). Una sorta di vero e proprio "oscar", dunque...
Al secondo posto, nel rapporto qualità/prezzo, troviamo il Valtellina Sforzato "Tre Leghe" 1997 della Enologica Valtellinese (5.25), per il quale il prezzo è, nel contesto dello Sforzato, abbordabile, ma che, visto il numero di bottiglie prodotte (500), rischia davvero di risultare introvabile. Al terzo posto, nella graduatoria q/p, risulta infine il Valtellina Sfursat "Vin da Ca'" 1997 di Plozza Vini. Anche in questo caso, qualità decisamente alta, buon prezzo e notevole volume di produzione (40mila bottiglie).
a cura di Giovanni Ciocca

 
24/7/2002