scrivici        vinealia         fatti         uve e vini         genti e terre         vino e …        

Degustazioni
    50 anni di Vorberg
    Alsace Grand Cru***
    Alsazia 2007 ***
    Alsazia 2008***
    Alto Adige
    AMARONE
    Amarone 2003 ***
    Amarone 2004 ***
    Amarone 2005 ***
    Amarone 2006 ***
    Amarone 2007 ***
    Amarone 2008 ***
    Amarone 2009 ***
    Amarone e Valpolicella ***
    Anteprima Bardolino 2009***
    Anteprima Bardolino 2010***
    Anteprima Bardolino 2012***
    Anteprima Bolgheri 2010 ***
    Anteprima Chianti 2013
    Anteprima Rufina 2010
    Anteprima Rufina 2011
    Anteprima Vernaccia di San Gimignano
    Apianae
Di Majo Norante
    Arezzo Terra di Vino ***
    Arezzo Vecchie annate ***
    Assaggi al Vinitaly ***
    Autoctono - GoWine ***
    Azienda Tedeschi
    Barbaresco ***
    BARBERA
    Barbera Nizza ***
    Bardolino 2011 ***
    BARDOLINO CHIARETTO
    Barolo 1996
    Bastianich ***
    BCM numero 3 ***
    Benvenuto Brunello Bergamo ***
    BereBio
    bio&dinamica
    Biologici ***
    Bolgheri
    Bolgheri ***
    Bolgheri 2003-2005 ***
    Bolgheri 2009 ***
    BOLLICINE
    Bollicine a Marostica
    Bollicine su Trento ***
    Bollicine su Trento ***
GRANDI ANNATE
    Bollicine su Trento 2010
    Bosco del Merlo
    Bovio
    Braide Mate e Alte
dalla Livon
    Broy
    Brunello 1990
    Burgenland ***
    Ca Andrea e Muda
Girasoli Sant'Andrea
    Calatrasi
    Campo Marzio '02
La Tunella
    CANNONAU
    Cannubi Boschis
di Luciano Sandrone
    Cantine De Falco ***
    Cantine di Caldaro
    Casa'
    Casale dello Sparviero
    Castelli Maria Pia
    Cesanese del Piglio
    Champagne a Milano***
    Chasse-Spleen 2001
    Chianti 2011 ***
    Chianti Riserva 2001
Frascole
    Chianti Rufina 2002
Frascole
    Chianti Rufina 2008 ***
    Chianti Rufina 2009 ***
    Chianti Rufina vs. Barbaresco ***
    Chiaretti del Garda***
    Colle di San Domenico
    COLLIO BIANCO
    Collio Sauvignon "Valtrussio" 2006
    Costa Toscana
Wine and food ***
    Costa Toscana Anteprima 2010 ***
    Costa Toscana
Anteprima 2008 ***
    Costa Toscana
Anteprima 2009 ***
    Costa Toscana
Anteprima 2007 ***
    Cotinone
Tenuta Coppadoro
    Custoza e altra Garganega
    Dal bicchiere alla vigna ***
    Dieci anni di Nizza ***
    Divin Orcia 2008 ***
    Divin Orcia 2009 ***
    Divin Orcia 2010 ***
    DiViniProfumi
    DOLCETTO ***
    Dolcetto a MIlano
    DolceVi 2007***
    Domaine Taupenot-Merme
    Donna Chiara
    Due rossi da Livon
    Elo Veni 2001
Leone de Castris
    Enantio & Casetta***
    Endrizzi
    Enoteca Enopassione***
    Erbaluce ***
    EuVite
    Falanghina Felix
    Falerno del Massico
da Masseria Felicia
    Famiglie dell’Amarone ***
    Felluga Livio
    Filippi
    Francia del Sud
    Franciacorta
    Franciacorta a Milano***
    Franciacorta festival
    Freewine Day ***
    Friulano & friends***
    Friuli Venezia Giulia
    GAVI
    Gewurztraminer
Simposio 2009 ***
    Gewurztraminer
Simposio 2007 ***
    Gnirega
    Grandi Crus
Costa Toscana 2000 ***
    GRANDI ROSSI DEL SUD
    Grands Crus
Bordeaux 2005 ***
    Grands Crus de Bordeaux***
    Grave del Friuli***
    Grumello
    Guerila
    Guerrieri Rizzardi
    Heres***
    Hofstatter
    I Balzini
    I vini del Palatinato ***
    Iasma
    Il Puro- Fattoria Lavacchio
    Il Trentino di Proposta Vini
    Italia in Rosa 2008
    Italia in Rosa 2009
    Italia in Rosa 2013
    Italia in Rosa ***
    Krimisa by Zito
    La prima del Torcolato
    La Rasenna
    La vie en rose'***
    LACRIMA
DI MORRO D'ALBA
    Lambrusco Cavicchioli
    Langhe Doc Favorita Casà
    Lazio
    Le cantine di Caldaro
    Le Famiglie dell'Amarone d'Arte
    Le loro Maesta' ***
    Le Marche da “Enopassione” ***
    Lessini Durello ***
    Letrari ***
    Livon 2000
    LUGANA
    Marche ***
    Mare e Vitovska ***
    Maremma Wine Shire
    Masari e Tenuta la Bertol
    Merano Wine Festival 2012 ***
    Mercato dei Vini FIVI ***
    Merlot Grandimani
    Mezzacorona
    MONTEPULCIANO
D'ABRUZZO
    Moscato d'Asti & Asti 2009***
    Mueller Thurgau ***
    Nebbiolo Grapes***
    Nebbiolo Prima ***
    NERO D'AVOLA
    NOBILI AROMU
    Non lo so
    Non lo so 2010
    Nosiola
    Novelli
    Nuova Zelanda ***
    Old Custoza
    Oltrepo Pavese
    Oreno 
    Passione di Vino ***
    Pecorino in verticale parallela
    Pedrotti
    Perlone e Rubino
Torboli
    Pescorosso
Tenuta Coppadoro
    Piacere Barbaresco 2008 ***
    Piacere Barbaresco 2009 ***
    Piacere Barbaresco 2010 ***
    PicenINvisibli
    Picolit en primeur ***
    PIGNOLETTO
    PINOT NERO
    Piro
    Podere Bell'Angelo
    Poggio al Vento
    PRIMITIVO
    Proposta Vini ***
    PROSECCO
    Prove di botte ***
    Quattro vini
da La Tunella
    Quignones
    RAMANDOLO
    Ratino
Tenuta Coppadoro
    Ravazzi
    Re Manfredi
Terre degli Svevi
    RECIOTO DI SOAVE
    REFOSCO
    RIBOLLA GIALLA
    Ribolla gialla '03
La Tunella
    Riedel
    Riesling di Germania ***
    Romagna
    Romano Dal Forno
    Rosa del Golfo
    ROSSO
DI MONTEPULCIANO
    ROSSO CONERO
    Rosso Montepulciano
Poliziano
    Roussillon
    Roussillon 2007
    Rufina-Borgogna***
    Südtirol St. Magdalener D.O.C.
    SAGRANTINO
    Sagrantino ***
    Sagrantino Colsanto
    Sagrantino di Montefalco***
    Sagrantino Scacciadiavoli ***
    Salento Sauvignon
Leone de Castris
    SALICE SALENTINO
    SALICE SALENTINO 2
    San Marco e Tufico
Colonnara
    San Ruffino Mutti
    San Vincenzo '02
Anselmi
    SANGIOVESE
DI ROMAGNA
    Santa Margherita
    Sassocheto 1997
Il Grappolo-Fortius
    Scirus Igt 2001
    Semplicemente uva
    Soave a Milano ***
    SOAVE SUPERIORE
    Solarco 2006 Livon
    Solarco 2008 Livon
    Sovversivi del gusto ***
    Stucchi
    Sud de France Igp ***
    Sud de France Worldwide
    Super Whites ***
    Super Whites 2009
    Super Whites 2010
    Super Whites 2011***
    Tai by Cavazza
    Tenuta San Marcello
    Tenuta Terre Nobili 2006
    Tenuta Terre Nobili 2007
    Tenuta Terre Nobili 2008
    Terre da tartufo ***
    Terre di Toscana ***
    Terre Nobili ***
    TOCAI FRIULANO
    Tocai Friulano '03
La Tunella
    Tocai friulano 2003
Forchir
    Traminer "Glére" '03
by Forchir
    Trentino Wine 2010***
    Trento Doc
    Tutti i colori del Bianco ***
    VALCALEPIO
    Valtellina ***
    VALTELLINA SFORZATO
    VERDICCHIO DI JESI
    VERDICCHIO RISERVA
    VERMENTINI D'ITALIA
    Vernaccia - Chenin Blanc ***
    VERNACCIA
DI SAN GIMIGNANO
    VERNACCIA
DI SERRAPETRONA
    Vernaccia di San Gimignano ***
    Vernaccia e Ribolla
    Vernaccia 2011 ***
    Vernaccia-Calce***
    Verticale Amarone
    Verticale Tommasi ***
    Vignaioli Alto Adige
    Vignaioli Alto Adige***
    Villa Matilde ***
    Vin Santo Doc 1997
Fattoria Le Sorgenti
    Vini biologici del Sud de France ***
    Vini d'Abruzzo***
    Vini della Nuova Zelanda***
    Vini di Romagna
    Vini italiani
    Vini rossi del vulcano
    Vinistra 2013
    Vinitaly 2010 1
    Vinitaly 2010 2
    Vino & Portici
    VINO NOBILE
DI MONTEPULCIANO
    Vins d'Alsace ***
    Vitovska ***
    Vulcania
    Vulcania 2010
    Vulcania 2011***
    Zimor






 
La degustazione del Collio Bianco
febbraio - maggio 2005
 
La seconda degustazione del 2005 ha visto ancora protagonista una doc friulana. Non solo: siamo ritornati nel Collio, per assaggiare ­ dopo la Ribolla, protagonista della prima serata ­ un altro vino di quelle parti, il COLLIO BIANCO, che da qualche tempo a questa parte è stato promosso come vino simbolo del territorio Collio.
Sedici produttori hanno partecipato alla nostra serata con vini di annate comprese tra il 2000 e il 2003 che sono stati assaggiati, come sempre, da un gruppo di consumatori e da un panel di esperti, riunitisi in sedi separate per la degustazione dei campioni resi rigorosamente anonimi.
Ancora una volta dobbiamo sinceramente ringraziare tutte le aziende che ­ con molta cortesia e a titolo assolutamente gratuito ­ hanno reso possibile la nostra serata di assaggio e di approfondimento, una esperienza che, come nostra oramai consolidata tradizione, è una occasione di approfondimento per chi ha partecipato ma anche e soprattutto per i nostri lettori.

Cenni storici
Prima di parlare della nostra degustazione, cerchiamo di identificare meglio il vino che abbiamo assaggiato e il territorio da cui esso proviene.
Il Collio o più precisamente il Collio goriziano è una fascia collinare nella provincia di Gorizia, appunto, che si estende principalmente lungo un'asse che si sviluppa da oriente a occidente; da sempre vi nascono vini rinomati, anche grazie alla sua particolare posizione geografica, con le Prealpi Giulie a nord che creano un ostacolo naturale alle fredde correnti settentrionali e il mare Adriatico che da sud fa sentire la sua influenza, contribuendo a creare un microclima temperato. L'esposizione a mezzogiorno e la specifica composizione del terreno (marne e arenarie) completano il quadro particolarmente favorevole per la coltivazione della vite che a memoria d'uomo da sempre è un'attività caratteristica in quest'area.
In occasione della precedente degustazione dedicata alla Ribolla gialla, altro vino tipico di queste terre, abbiamo già avuto modo di raccontare un poco delle vicende dell'enologia di questa area nel corso dei secoli; sappiamo quindi che fin dall'antichità la coltivazione della vite era diffusa in queste terre e che furono soprattutto i Romani a dare un grosso impulso alla diffusione e alla razionalizzazione della viticoltura, fino a fare di questo territorio un importantissimo centro produttivo. La coltivazione dell'uva e la produzione del vino erano attività tanto capillari e diffuse nella zona che, secondo la tradizione, nel III secolo d. C. l'imperatore Massimino, proveniente dalla Tracia (regione a cavallo tra le attuali Grecia settentrionale e Turchia europea) e diretto ad Aquileia assediata, fu in grado di costruire un ponte sull'Isonzo utilizzando il legno delle botti e dei tini requisiti nel Collio!
Abbiamo anche visto che il dominio veneziano fu un altro momento storico di grande vitalità per la viticoltura locale: i vigneti erano una delle principali fonti di ricchezza nell'area e proprio per questo erano spesso di proprietà o comunque sotto il controllo dei vari potentati locali. Può risultare interessante a questo proposito citare una testimonianza tratta dalla "Historia della ultima guerra in Friuli" del veneziano Faustino Moisesso che narra di un attacco ad una fortificazione asburgica da parte dei soldati della Serenissima: nel racconto dell'episodio, avvenuto nel 1616, il cronista descrive lo scenario della battaglia, un colle dai fianchi terrazzati, e racconta poi della presa del castello da parte dei veneziani che vi trovarono un bottino ricchissimo tra cui "vini squisitissimi" in grande quantità.
Vini nobili e rinomati dunque, ricercati da molte corti d'Europa, che continuarono ad essere apprezzati anche sotto il dominio degli Asburgo.
Si arriva così alla seconda metà dell'Ottocento che rappresenta in un certo senso uno spartiacque nella viticoltura friulana e del Collio in particolare. Prima il conte Latour introduceva pregiati vitigni francesi e tedeschi che ancora oggi hanno una parte fondamentale della produzione vitivinicola locale; poi, solo qualche hanno più tardi, la fillossera cominciava, anche da queste parti, la sua opera distruttrice che avrebbe obbligato i produttori locali, alla fine del XIX secolo (IV° Congresso Enologico Austriaco, 1891), a introdurre abbastanza rapidamente le viti americane sulle quali sarebbero state gradualmente innestate le varietà locali. Sarebbe stato un processo lungo anni che avrebbe condotto infine ad individuare le varietà americane più adatte tra le molte introdotte e testate.
Proseguendo nel nostro sintetico excursus storico, non si può ovviamente non ricordare la Grande Guerra (1915-18) che provocò una sconvolgimento certamente drammatico e profondo di tutto il territorio, ma che, peraltro, indusse, dopo la fine delle ostilità, una ricostituzione dei vigneti seguendo tecniche nuove e più moderne, con l'impiego dei portainnesti più affidabili (Kober, Berlindieri-Riparia).
Il processo di crescita e di modernizzazione sarebbe quindi proseguito nei decenni successivi (vale la pena ricordare che, in generale, il Friuli­Venezia Giulia è il principale fornitore italiano di barbatelle) fino ad ottenere il riconoscimento, tra i primi in Italia, della doc Collio nel 1968, che con successive modifiche ed integrazioni avrebbe raggiunto la sua formulazione definitiva con il decreto del 25 marzo 1998.

Il vitigno e il disciplinare
Veniamo ora ad inquadrare il vino protagonista della nostra serata di assaggio e partiamo proprio dalla doc che, come abbiamo già avuto modo di raccontare in occasione della precedente degustazione di Ribolla gialla, regola la produzione di ben diciannove vini.
Il Collio bianco ­ che, come abbiamo già accennato in precedenza, ormai rappresenta in un certo senso il vino-immagine del territorio Collio ­ è in effetti in questo contesto un vino un po' particolare, proprio perché il disciplinare ­ fatte salve alcune normative fondamentali come per esempio la resa massima per ettaro (11 t./ha) o il grado alcolico (11°) ­ lascia ampia discrezionalità al produttore in merito alla composizione dell'uvaggio che va definire il vino. Il disciplinare prevede infatti che il Collio bianco possa essere prodotto da un uvaggio di vitigni pregiati a bacca bianca ammessi e coltivati nel territorio del Collio e che a questo punto vale la pena di elencare: chardonnay, malvasia istriana, muller-thurgau, picolit, pinot grigio, pinot bianco, ribolla gialla, riesling renano, riesling italico, sauvignon, tocai friulano e traminer aromatico. Ad eccezione di una limitazione massima del 20% di muller-thurgau e traminer aromatico imposta nella composizione complessiva dell'uvaggio selezionato, le caratteristiche organolettiche finali possono conseguentemente variare consistentemente in funzione della scelte operate dal produttore proprio in merito alle varietà assemblate. E' dunque un vino che in qualche modo si caratterizza e si scopre a seconda della bottiglia che si va ad assaggiare e per il quale diventa più difficile definire dei parametri standard che lo identifichino univocamente. E questo è certamente un aspetto abbastanza peculiare che, come vedremo, è stato oggetto di interessanti commenti emersi sia dalla degustazione dei consumatori sia dalla degustazione del panel degli esperti.
Per quel che riguarda i dettagli relativi alle uve previste dal disciplinare, visto il numero dei vitigni utilizzabili e l'ampia discrezionalità nel loro impiego, rimandiamo ovviamente alla sezione "vitigni" consultabile nel nostro sito, che potrà fornire una descrizione dettagliata delle caratteristiche delle varietà elencate in precedenza.

La degustazione
Siamo dunque alla degustazione. Come detto, erano presenti campioni compresi tra le annate 2000 e 2003 e, come sempre, prima di entrare nel merito delle considerazioni emerse dalla degustazione ecco la classifica finale, ordinata secondo il punteggio attribuito a ciascun campione dal gruppo dei consumatori. A fianco di tale punteggio (in rosso) sono riportati anche i voti e la relativa posizione nella graduatoria espressa dal panel di esperti che, come già specificato, ha assaggiato gli stessi vini in separata sede.

- Collio bianco Doc "Broy" 2003
Collavini

Via della Ribolla Gialla, 2 - 33040 Corno di Rosazzo (Udine)
telefono 0432 753222 - fax 0432 759792
collavini@collavini.it - www.collavini.it
bottiglie prodotte 13.500 - costo medio in enoteca 15,50 euro
consumatori: 84; panel 80  (1°) 

- Collio bianco Doc "Klin" 2000
Primosic

Via Madonnina d'Oslavia, 3 - 34070 Oslavia (Gorizia)
telefono 0481 535153 - fax 0481 536705
primosic@primosic.com - www.primosic.com
bottiglie prodotte 8.000 - costo medio in enoteca 25,00 euro
consumatori: 83; panel 77 (4°) 

- Collio bianco Doc 2001
Terpin Franco

Località Valerisce, 6/a - 34070 San Floriano del Collio (Gorizia)
telefono 0481 884215 - fax 0481 884215
francoterpin@virgilio.it
bottiglie prodotte 6.000 - costo medio in enoteca 15,00 euro
consumatori: 81; panel 78 (3°) 

 - Collio bianco Doc "Tre Vignis" 2003
Venica & Venica

Località Cerò, 8 - 34070 Dolegna del Collio (Gorizia)
telefono 0481 61264 - fax 0481 639906
venica@venica.it - www.venica.it
bottiglie prodotte 4.000 - costo medio in enoteca 21,00 euro
consumatori: 78; panel 75,5 (7°) 

 - Collio bianco Doc "Col Disôre" 2002
Russiz Superiore

Località Russiz Superiore, 7 - 34070 Capriva del Friuli (Gorizia)
telefono 0481 991 - fax 0481 90270
info@marcofelluga.it - www.marcofelluga.it
bottiglie prodotte 10.000 - costo medio in enoteca 18,00 euro
consumatori: 78; panel 74 (9°) 

 - Collio bianco Doc "Leopold" 2002
Fiegl

Località Lenzuolo Bianco - 34070 Oslavia (Gorizia)
telefono 0481 31072 - fax 0432 534436
info@fieglvini.com - www.fieglvini.com
bottiglie prodotte 2.000 - costo medio in enoteca 13,00 euro
consumatori: 78; panel 76 (6°)

 - Collio bianco Doc "Cicinis" 2002
Attems

Via Giulio Cesare, 36/a - 34070 Lucinico (Gorizia)
telefono 0481393619 - fax 0481 393162
info@attems.it - www.attems.it
bottiglie prodotte 9.800 - costo medio in enoteca 16,50 euro
consumatori: 77; panel 79 (2°) 

 - Collio bianco Doc "Bianco Carpino" 2002
Il Carpino

Via Sovenza, 14/a - 34070 Oslavia (Gorizia)
telefono 0481 884097 - fax 0481 884205
ilcarpino@ilcarpino.com - www.ilcarpino.com
bottiglie prodotte 3.000 - costo medio in enoteca 16,00 euro
consumatori: 76; panel 77 (4°) 

 - Collio bianco Doc 2003
Keber Edi

Località Zegla, 17 - 3071 Cormòns (Gorizia)
telefono 0481 61184 - fax 0481 61184
bottiglie prodotte 20.000 - costo medio in enoteca 15,00 euro
consumatori: 76; panel 75,5 (7°) 

 - Collio bianco Doc "Pertè" 2003
La Boatina

Via Corona, 62 - 34071 Cormòms (Gorizia)
telefono 0481 60445 - fax 0481 630161
info@boatina.com - www.boatina.com
bottiglie prodotte 2.400 - costo medio in enoteca 15,00 euro
consumatori: 76; panel 76,5 (5°) 

 - Collio bianco Doc "Pe ar" 2003
Skok Edi

Località Giasbana, 15 - 34070 San Floriano del Collio (Gorizia)
telefono 0481 390280 - fax 0481 390280
skokedi@libero.it
bottiglie prodotte 2.000 - costo medio in enoteca 10,00 euro
consumatori: 75; panel 76 (6°) 

 - Collio bianco Doc "Molamatta" 2003
Felluga Marco

Via Gorizia, 121 - 34072 Gradisca di Isonzo (Gorizia)
telefono 0481 99164 - fax 0481 960270
info@marcofelluga.it - www.marcofelluga.it
bottiglie prodotte 25.000 - costo medio in enoteca 14,00 euro
consumatori: 74; panel 76 (6°) 

 - Collio bianco Doc 2003
Cociancig

Località Pradis, 18 - 3071 Cormòns (Gorizia)
telefono 0481 61233 - fax 0481 61233
azienda_agricola_cociancig@libero.it
bottiglie prodotte 7.000 - costo medio in enoteca 6,00 euro
consumatori: 74; panel 75 (8°) 

 - Collio bianco Doc "Bianco di collina" 2003
Draga

Località Scedina, 9 - 34070 San Floriano del Collio (Gorizia)
telefono 0481 884182 - fax 0481 884182
info@draga.it - www.draga.it
bottiglie prodotte 3.000 - costo medio in enoteca 12,00 euro
consumatori: 73; panel 78 (3°) 

10° - Collio bianco Doc "Agnul" 2003
Pascolo Giuseppe

Località Ruttars - 34070 Dolegna del Collio (Gorizia)
telefono 0481 61144 - fax 0481 662163
info@vinipascolo.com - www. vinipascolo.com
bottiglie prodotte 1.300 - costo medio in enoteca 9,00 euro
consumatori: 70; panel 76 (6°) 


Veniamo a quello che è emerso dai commenti e dalle opinioni espresse dai consumatori nel corso della serata.
La denominazione Collio bianco era nota a circa il 70 per cento dei consumatori partecipanti alla degustazione e circa un quarto era a conoscenza del fatto che il Collio bianco è stato promosso a vino simbolo del territorio. Quest'ultimo aspetto ha probabilmente creato una aspettativa piuttosto alta dal punto di vista qualitativo e, come talvolta accade, ha in qualche misura innescato, forse inconsciamente, una ri-taratura verso l'alto della "soglia critica" di giudizio di una parte dei presenti, che potrebbe spiegare certi voti "di manica un po' stretta". Va detto che, comunque e ancora una volta, sono emersi alcuni fattori ­ primo tra tutti probabilmente, come detto, proprio le caratteristiche strutturali dell'uvaggio ­ che hanno un poco spiazzato i consumatori inducendoli a sottovalutare un vino forse più di quanto ci si potesse aspettare. In sede di discussione post-degustazione è emerso, per esempio, che per buona parte dei presenti era stato piuttosto arduo evincere delle caratteristiche standard per il Collio bianco, sulla base dei campioni assaggiati: evidentemente per la maggior parte dei partecipanti il concetto di tipicità e di "riconoscibilità" deve in qualche modo emergere, soprattutto in un vino presentato come bandiera di un territorio, come se il vino stesso ne rappresentasse la firma in calce. Visto con un'ottica diversa questo può semplicemente rimarcare una volta di più che il concetto di tipicità, oggi più che un tempo, è in realtà spesso difficilmente identificabile e, con ogni probabilità, questo vale a maggior ragione per un vino come il Collio bianco, che fa dei sapienti uvaggi assemblati con le diverse varietà bianche coltivate nel territorio uno degli aspetti caratteristici del prodotto. Si potrebbe dire che sono state riscontrate poche linee guida in un vino nel complesso celebrato e ciò ha in qualche modo disorientato soprattutto i consumatori "evoluti".
In realtà poi, leggendo tra le righe dei giudizi, alcuni caratteri comuni sono comunque emersi: la maggior parte dei campioni sono stati giudicati persistenti, intensi e ben strutturati, potenti e alcolici. Queste ultime due caratteristiche, per la verità, hanno creato una sorta di effetto saturazione nel corso dell'assaggio e ciò potrebbe avere costituito un ulteriore fattore penalizzante. Come considerazione più generale ­ e non necessariamente legata a questa degustazione e a questo bianco ­ ci verrebbe peraltro da aggiungere che forse bisognerebbe riconsiderare la volontà di produrre a tutti costi bianchi che "inseguono" i rossi, magari usando fuori misura i legni, invece di esaltarne la freschezza, la fragranza degli aromi, la leggera e gioiosa piacevolezza che gratifica la bocca. Ma ancora una volta, nel gioco delle contraddizioni che quasi sempre emergono dalle nostre serate, si rischia di restare spiazzati nelle proprie considerazioni: in fondo, due dei tre vini sul nostro podio sono i più invecchiati tra i campioni partecipanti...
Abbiamo parlato del podio ed ecco, quindi, in dettaglio il giudizio formulato dai consumatori sui tre migliori classificati della graduatoria.
Primo in classifica è risultato il Collio Bianco Doc "Broy" 2003 dell'azienda Collavini. Di colore paglierino carico, presenta secondo i consumatori profumi intensi e fruttati, con sentori di frutta bianca (mela) e note di caramella. Al gusto è sembrato pieno, strutturato, equilibrato, fresco, alcolico e dal retrogusto amarognolo.
Al secondo posto della graduatoria si piazza il Collio Bianco Doc "Klin" 2000 di Primosic. Il colore paglierino si accompagna ad aromi più tenui rispetto al vincitore, secondo la maggioranza dei presenti, dove prevalgono sentori di legno, miele e frutta bianca. In bocca è parso potente ed equilibrato, persistente e alcolico, di buona acidità e con retrogusto amarognolo (mandorla).
Il terzo gradino del podio è, infine, per il Collio Bianco Doc 2001 di Franco Terpin. Di colore paglierino carico, è risultato al naso ricco di aromi persistenti, intenso, con note fruttate (frutta bianca) e sentori vegetali. Il sapore è stato valutato potente e persistente, ben equilibrato e strutturato con retrogusto amaro.

Ma lasciamo spazio al panel degli esperti e, a seguire, ecco un sintetico giudizio sui campioni degustati e la valutazione relativamente ai "vini top" della loro graduatoria.

"La prima cosa che appare evidente, senza peraltro essere una sorpresa, è che la Doc Collio Bianco non possiede nessuna riconoscibilità; ciò è dovuto al disciplinare di produzione talmente "libero" nella scelta delle uve da far si che i vini possano essere completamente diversi fra loro.
Unico fattore che li accomuna, e questa è invece una seppur parziale sorpresa, è l'estrema alcolicità di tutti i campioni, a volte talmente elevata da rendere i vini "poco bevibili" e un poco squilibrati; si tratta d'altra parte di una moda imperante, che ratifica il fatto che gradazioni alcoliche superiori ai 13° vol. rappresentino ormai la normalità nella stragrande maggioranza dei vini bianchi, invadendo sotto questo aspetto il campo che è sempre stato appannaggio dei vini rossi.
Il vino che ha ottenuto il punteggio maggiore dal panel degli esperti è il Collio Bianco Doc "Broy" 2003, produttore Collavini, per il quale sono state riscontrate le seguenti caratteristiche organolettiche: giallo dorato scarico, brillante; profumo pulito, elegante e fine, con sentori di fiori gialli e frutta esotica, molto armonico; gusto fresco, con buona acidità, sapido, con finale leggermente amarognolo (ammandorlato) e buona Pai. Subito a ridosso si colloca il Collio bianco Doc "Cicinis" 2002 di Attems: giallo dorato, limpido e brillante; naso pulito, fine, buona intensità, con frutta molto matura, albicocca e frutta esotica (banana); in bocca, intenso, alcolico, sapido, complesso, con legno evidente, buona Pau. Una coppia di vini, infine, pari merito in terza posizione, ovvero il Collio Bianco Doc 2001 di Franco Terpin ed il Collio bianco Doc "Bianco di collina" 2003, produttore Draga. L'uno è stato giudicato di colore paglierino medio, brillante; al naso poco intenso e di media finezza, con frutta bianca, note di erbe officinali e vaniglia evidente; in bocca decisamente più interessante, sapido: l'altro è risultato invece paglierino medio, con parecchie bollicine sulle pareti del bicchiere; fine, di media intensità, sentori di fiori bianchi e frutta fresca (pesca), agrumato; al palato, fresco, di ottima acidità, alcolico, equilibrato, leggermente amarognolo il finale, notevole Pai".


Almeno tre aspetti interessanti si possono evidenziare dai punteggi e dai giudizi espressi dal panel. Il primo è che, una volta tanto, c'è una buona correlazione tra le due graduatorie (quella dei consumatori e quella degli esperti), dove lo stesso vino risulta vincitore per entrambe le classifiche. Il secondo aspetto è relativo alla classifica molto "corta" emersa dalle valutazioni degli esperti, dal momento che i punteggi assegnati ai vini sono compresi in un intervallo di soli sette punti (dagli 80 del primo in classifica fino a 74). Il terzo e più interessante aspetto da mettere in evidenza, infine, è l'assoluta coincidenza tra alcune delle considerazioni che abbiamo fatto a seguito della tradizionale discussione post-degustazione del gruppo dei consumatori ed il giudizio generale relativo ai vini assaggiati, espresso dagli esperti e che abbiamo appena riportato.
E poi, una curiosità: il vino risultato vincitore per entrambi i gruppi è prodotto da una azienda che, unica tra le presenti, non ha sede in provincia di Gorizia. Solo una curiosità, per carità, dal mopmento che un conto è la localizzazione dei vigneti, un altro la sede di una azienda...

Una annotazione "fuori concorso". Tra i vini che ci sono arrivati c'era un campione molto interessante. Stiamo parlando del Collio bianco Doc "Kaplja" 2002 di Podversic Damijan (Via Brigata Pavia, 61 - 34170 Gorizia, telefono 0481 78217, fax 0481 78217, damijan.go@virgilio.it), un vino che definire "particolare" è assolutamente riduttivo. Ebbene, in sede di verifica dei campioni (procedura che facciamo sempre prima di ogni degustazione) abbiamo appreso dall'azienda che l'intera produzone 2002 è stata "tolta" dalla denominazione, dalla Doc per alcune "differenze di vedute" con il consorzio circa la Ribolla gialla, temi che non abbiamo competenze sufficienti per disquisire. Ci piace però sottolineare che ­ a nostro avviso ­ questo vino si colloca tra quei prodotti creati secondo metodi che recuperano tecniche antiche di vinificazione, vini che fanno parlare molto di sè e che in questa parte del Friuli hanno campioni e paladini molto affermati. Per rispetto del lavoro di questa azienda abbiamo deciso di lasciare il vino in degustazione, anche per verificare (e "controllare") le impressioni dei due gruppi di assaggiatori. Dobbiamo dire che non sono state lusinghiere: a fronte di un paio di persone che si sono innamorate immediatamente di questa bottiglia (affermando che questo era un produttore di cui avremmo sentito molto parlare in futuro), gli altri degustatori sono rimasti molto perplessi e hanno assegnato il punteggio più basso (68 centesimi la media). Il panel degli esperti, di contro, ha preferito non esprimere alcun voto, in quanto la specificità di questo prodotto avrebbe meritato ben altra trattazione.

Rapporto qualità-prezzo
Dal punto di vista dei costi bisogna dire che i consumatori partecipanti alla nostra serata hanno giudicato il Collio bianco, sulla base dei campioni presentati, mediamente piuttosto caro. E in effetti il prezzo medio calcolato di poco superiore ai 14,7 euro rafforza un poco questa sensazione. Dal punto di vista del rapporto qualità/prezzo ­ che come sempre cerchiamo di fornirvi per dare un'idea non solo della qualità di un vino (punteggio espresso dai consumatori), ma anche della sua convenienza per le tasche del consumatore medio (prezzo medio al pubblico fornito dal produttore) ­ va citato il Collio bianco Doc 2003 di Cociancig, con un prezzo decisamente interessante di 6 euro, stacca piuttosto decisamente tutti gli altri campioni presenti. Da segnalare anche il rapporto qualità/prezzo del Collio bianco Doc "Agnul" 2003 di Giuseppe Pascolo che, al costo di 9 euro, è assieme al precedente il solo altro campione con prezzo inferiore ai 10 euro.
Ci fa piacere segnalare il Collio bianco Doc 2003 di Edi Keber ­ produttore che non ha bisogno di presentazioni e che può essere a diritto riconsociuto come il "padre putativo" del Collio bianco, per averne fatto uno dei suoi vini portabandiera in tempi non sospetti ­ che con 20mila bottiglie prodotte si aggiudica il "titolo" di vino che, accanto alla ottima qualità, garantisce una maggiore reperibilità sul mercato per il consumatore.

a cura di Giovanni Ciocca
ha collaborato Lorenzo Colombo

Un ringraziamento particolare al Consorzio di tutela vini Collio e al suo direttore, Paolo Bianchi, per la preziosa collaborazione prestata alla buona riuscita di questa degustazione panel-consumatori.
 
18/5/2005

http://www.collio.it