scrivici        vinealia         fatti         uve e vini         genti e terre         vino e …        

Degustazioni
    50 anni di Vorberg
    Alsace Grand Cru***
    Alsazia 2007 ***
    Alsazia 2008***
    Alto Adige
    AMARONE
    Amarone 2003 ***
    Amarone 2004 ***
    Amarone 2005 ***
    Amarone 2006 ***
    Amarone 2007 ***
    Amarone 2008 ***
    Amarone 2009 ***
    Amarone e Valpolicella ***
    Anteprima Bardolino 2009***
    Anteprima Bardolino 2010***
    Anteprima Bardolino 2012***
    Anteprima Bolgheri 2010 ***
    Anteprima Chianti 2013
    Anteprima Rufina 2010
    Anteprima Rufina 2011
    Anteprima Vernaccia di San Gimignano
    Apianae
Di Majo Norante
    Arezzo Terra di Vino ***
    Arezzo Vecchie annate ***
    Assaggi al Vinitaly ***
    Autoctono - GoWine ***
    Azienda Tedeschi
    Barbaresco ***
    BARBERA
    Barbera Nizza ***
    Bardolino 2011 ***
    BARDOLINO CHIARETTO
    Barolo 1996
    Bastianich ***
    BCM numero 3 ***
    Benvenuto Brunello Bergamo ***
    BereBio
    bio&dinamica
    Biologici ***
    Bolgheri
    Bolgheri ***
    Bolgheri 2003-2005 ***
    Bolgheri 2009 ***
    BOLLICINE
    Bollicine a Marostica
    Bollicine su Trento ***
    Bollicine su Trento ***
GRANDI ANNATE
    Bollicine su Trento 2010
    Bosco del Merlo
    Bovio
    Braide Mate e Alte
dalla Livon
    Broy
    Brunello 1990
    Burgenland ***
    Ca Andrea e Muda
Girasoli Sant'Andrea
    Calatrasi
    Campo Marzio '02
La Tunella
    CANNONAU
    Cannubi Boschis
di Luciano Sandrone
    Cantine De Falco ***
    Cantine di Caldaro
    Casa'
    Casale dello Sparviero
    Castelli Maria Pia
    Cesanese del Piglio
    Champagne a Milano***
    Chasse-Spleen 2001
    Chianti 2011 ***
    Chianti Riserva 2001
Frascole
    Chianti Rufina 2002
Frascole
    Chianti Rufina 2008 ***
    Chianti Rufina 2009 ***
    Chianti Rufina vs. Barbaresco ***
    Chiaretti del Garda***
    Colle di San Domenico
    COLLIO BIANCO
    Collio Sauvignon "Valtrussio" 2006
    Costa Toscana
Wine and food ***
    Costa Toscana Anteprima 2010 ***
    Costa Toscana
Anteprima 2008 ***
    Costa Toscana
Anteprima 2009 ***
    Costa Toscana
Anteprima 2007 ***
    Cotinone
Tenuta Coppadoro
    Custoza e altra Garganega
    Dal bicchiere alla vigna ***
    Dieci anni di Nizza ***
    Divin Orcia 2008 ***
    Divin Orcia 2009 ***
    Divin Orcia 2010 ***
    DiViniProfumi
    DOLCETTO ***
    Dolcetto a MIlano
    DolceVi 2007***
    Domaine Taupenot-Merme
    Donna Chiara
    Due rossi da Livon
    Elo Veni 2001
Leone de Castris
    Enantio & Casetta***
    Endrizzi
    Enoteca Enopassione***
    Erbaluce ***
    EuVite
    Falanghina Felix
    Falerno del Massico
da Masseria Felicia
    Famiglie dell’Amarone ***
    Felluga Livio
    Filippi
    Francia del Sud
    Franciacorta
    Franciacorta a Milano***
    Franciacorta festival
    Freewine Day ***
    Friulano & friends***
    Friuli Venezia Giulia
    GAVI
    Gewurztraminer
Simposio 2009 ***
    Gewurztraminer
Simposio 2007 ***
    Gnirega
    Grandi Crus
Costa Toscana 2000 ***
    GRANDI ROSSI DEL SUD
    Grands Crus
Bordeaux 2005 ***
    Grands Crus de Bordeaux***
    Grave del Friuli***
    Grumello
    Guerila
    Guerrieri Rizzardi
    Heres***
    Hofstatter
    I Balzini
    I vini del Palatinato ***
    Iasma
    Il Puro- Fattoria Lavacchio
    Il Trentino di Proposta Vini
    Italia in Rosa 2008
    Italia in Rosa 2009
    Italia in Rosa 2013
    Italia in Rosa ***
    Krimisa by Zito
    La prima del Torcolato
    La Rasenna
    La vie en rose'***
    LACRIMA
DI MORRO D'ALBA
    Lambrusco Cavicchioli
    Langhe Doc Favorita Casà
    Lazio
    Le cantine di Caldaro
    Le Famiglie dell'Amarone d'Arte
    Le loro Maesta' ***
    Le Marche da “Enopassione” ***
    Lessini Durello ***
    Letrari ***
    Livon 2000
    LUGANA
    Marche ***
    Mare e Vitovska ***
    Maremma Wine Shire
    Masari e Tenuta la Bertol
    Merano Wine Festival 2012 ***
    Mercato dei Vini FIVI ***
    Merlot Grandimani
    Mezzacorona
    MONTEPULCIANO
D'ABRUZZO
    Moscato d'Asti & Asti 2009***
    Mueller Thurgau ***
    Nebbiolo Grapes***
    Nebbiolo Prima ***
    NERO D'AVOLA
    NOBILI AROMU
    Non lo so
    Non lo so 2010
    Nosiola
    Novelli
    Nuova Zelanda ***
    Old Custoza
    Oltrepo Pavese
    Oreno 
    Passione di Vino ***
    Pecorino in verticale parallela
    Pedrotti
    Perlone e Rubino
Torboli
    Pescorosso
Tenuta Coppadoro
    Piacere Barbaresco 2008 ***
    Piacere Barbaresco 2009 ***
    Piacere Barbaresco 2010 ***
    PicenINvisibli
    Picolit en primeur ***
    PIGNOLETTO
    PINOT NERO
    Piro
    Podere Bell'Angelo
    Poggio al Vento
    PRIMITIVO
    Proposta Vini ***
    PROSECCO
    Prove di botte ***
    Quattro vini
da La Tunella
    Quignones
    RAMANDOLO
    Ratino
Tenuta Coppadoro
    Ravazzi
    Re Manfredi
Terre degli Svevi
    RECIOTO DI SOAVE
    REFOSCO
    RIBOLLA GIALLA
    Ribolla gialla '03
La Tunella
    Riedel
    Riesling di Germania ***
    Romagna
    Romano Dal Forno
    Rosa del Golfo
    ROSSO
DI MONTEPULCIANO
    ROSSO CONERO
    Rosso Montepulciano
Poliziano
    Roussillon
    Roussillon 2007
    Rufina-Borgogna***
    Südtirol St. Magdalener D.O.C.
    SAGRANTINO
    Sagrantino ***
    Sagrantino Colsanto
    Sagrantino di Montefalco***
    Sagrantino Scacciadiavoli ***
    Salento Sauvignon
Leone de Castris
    SALICE SALENTINO
    SALICE SALENTINO 2
    San Marco e Tufico
Colonnara
    San Ruffino Mutti
    San Vincenzo '02
Anselmi
    SANGIOVESE
DI ROMAGNA
    Santa Margherita
    Sassocheto 1997
Il Grappolo-Fortius
    Scirus Igt 2001
    Semplicemente uva
    Soave a Milano ***
    SOAVE SUPERIORE
    Solarco 2006 Livon
    Solarco 2008 Livon
    Sovversivi del gusto ***
    Stucchi
    Sud de France Igp ***
    Sud de France Worldwide
    Super Whites ***
    Super Whites 2009
    Super Whites 2010
    Super Whites 2011***
    Tai by Cavazza
    Tenuta San Marcello
    Tenuta Terre Nobili 2006
    Tenuta Terre Nobili 2007
    Tenuta Terre Nobili 2008
    Terre da tartufo ***
    Terre di Toscana ***
    Terre Nobili ***
    TOCAI FRIULANO
    Tocai Friulano '03
La Tunella
    Tocai friulano 2003
Forchir
    Traminer "Glére" '03
by Forchir
    Trentino Wine 2010***
    Trento Doc
    Tutti i colori del Bianco ***
    VALCALEPIO
    Valtellina ***
    VALTELLINA SFORZATO
    VERDICCHIO DI JESI
    VERDICCHIO RISERVA
    VERMENTINI D'ITALIA
    Vernaccia - Chenin Blanc ***
    VERNACCIA
DI SAN GIMIGNANO
    VERNACCIA
DI SERRAPETRONA
    Vernaccia di San Gimignano ***
    Vernaccia e Ribolla
    Vernaccia 2011 ***
    Vernaccia-Calce***
    Verticale Amarone
    Verticale Tommasi ***
    Vignaioli Alto Adige
    Vignaioli Alto Adige***
    Villa Matilde ***
    Vin Santo Doc 1997
Fattoria Le Sorgenti
    Vini biologici del Sud de France ***
    Vini d'Abruzzo***
    Vini della Nuova Zelanda***
    Vini di Romagna
    Vini italiani
    Vini rossi del vulcano
    Vinistra 2013
    Vinitaly 2010 1
    Vinitaly 2010 2
    Vino & Portici
    VINO NOBILE
DI MONTEPULCIANO
    Vins d'Alsace ***
    Vitovska ***
    Vulcania
    Vulcania 2010
    Vulcania 2011***
    Zimor






 
Anteprima 2007
Un evento firmato dalla Associazione Grandi Cru della Costa Toscana
 
Edizione 2007. Siamo nuovamente a Lucca, per la settima edizione di ANTEPRIMA, la manifestazione, organizzata dall’Associazione Grandi Cru della Costa Toscana, le date sono quelle dell’anno precedente, 27 e 28 maggio. A nostra disposizionei 79 vini, tutti ovviamente degustati, lasciando alla fine gli assaggi en primeur (altri 78 vini) dei quali, per motivi di tempo, abbiamo assaggiato solamente pochi campioni (23) e soprattutto in modo palese.
Per quanto riguarda l’associazione Grandi Cru della Costa Toscana, i motivi della sua nascita, i suoi scopi e finalità vi rimandiamo all’articolo scritto l’anno scorso, qui evidenziamo solamente il fatto che a fronte di nove aziende uscite, ne sono entrate 16 nuove, portando il totale degli associati a quasi 80, con una produzione che supera ormai i 6,5 milioni di bottiglie.
Come vedrete poi dalla cronaca delle degustazioni, alcune di queste aziende appena entrate si sono subito fatte notare per la qualità dei vini presentati.
Per quanto riguarda alcune considerazioni generali sui vini degustati dobbiamo dire che la provincia che più ci ha entusiasmato è quella di Livorno, che ha presentato 16 campioni: 10 Doc Bolgheri, di cui 7 Superiori, 3 Igt Toscana e 3 Doc Val di Cornia, non era disponibile il Bolgheri Sassicaia, pur presente nella lista; ben 13 di questi vini sono stati valutati con un punteggio superiore agli 85 punti, e uno ha superato i 90, fornendoci quindi una prestazione di grande uniformità e di qualità globalmente più che positiva.
Molto interessante anche la batteria dei vini della provincia di Grosseto, 23 campioni la maggior parte dei quali presentati come Igt Maremma Toscana (14), 5 erano Doc Morellino di Scansano, di cui uno Riserva e 4 appartenevano alla Doc Montecucco; valutazioni abbastanza omogenee con qualche vertice che ha lambito i 90 punti.
Risultati abbastanza omogenei anche per i 16 campioni della provincia di Lucca, 10 Igt Toscana e 6 Doc Colline Lucchesi, qui non si raggiungono punteggi altissimi, se non in un caso, mentre in un altro la valutazione non raggiunge gli 80 punti.
Solamente due i vini della provincia di Massa, di cui uno veramente interessante e curioso, si tratta del Massaretta 2004 dell’azienda Cima, prodotto appunto con uve Massaretta, un’antica varietà locale famosa nella prima metà del ‘900 per la sua capacità di macchiare, data la sua intensità colorante, i banconi di marmo delle osterie della zona; questo vitigno, riscoperto e riproposto utilizzando le moderne tecniche enologiche ha fornito, nell’interpretazione di Cima, un vino dal color rubino luminoso; pulito al naso, di media intensità olfattiva e con note di frutta speziata; di buona struttura in bocca e buona persistenza gustativa, con un piacevole finale amarognolo (85-86 punti).
La provincia di Pisa è quella che globalmente ci ha più deluso, a parte pochi casi di vini interessanti, la maggior parte erano prodotti con poca personalità, in questa batteria abbiamo notato in più campioni dei sentori pungenti, di smalto e di acetone non proprio eleganti. 21 i vini in assaggio, 17 Igt Toscana, due Doc Montescudaio, un Doc Colli Etruria Centrale e un Docg Chianti; ben 6 vini non sono stati ritenuti degni degli 80 punti e su almeno un paio non ce la siamo sentita di esprimere un giudizio.
Un’analisi approfondita dei vitigni utilizzati è molto ardua da stilare, essendoci un’eterogeneità e una variabilità estrema da provincia a provincia e da produttore a produttore; se nel grossetano se la giocano più o meno alla pari, in termine di numeri, il Sangiovese ed il Cabernet Sauvignon, in provincia di Livorno, dove la maggior parte dei prodotti arrivano dal bolgherese, il Sangiovese è praticamente assente; ritorna invece prepotente nei vini lucchesi, dove si trova anche una notevole presenza di Syrah; grande variabilità invece nel pisano, con buona presenza di Sangiovese e sporadiche apparizioni dei classici vitigni toscani, Ciliegiolo e Colorino.
Ma vediamo ora alcuni commenti sui vini che abbiamo assaggiato, ovviamente forniremo solamente un sunto di quelli ritenuti più interessanti, divisi per provincia e per tipologia; alcuni di questi prodotti erano già stati da noi degustati in recenti occasioni, circa un mese fa eravamo infatti a Bolgheri per la presentazione delle nuove annate, potete leggere le recensioni nell’articolo “Bolgherese: le nuove annate”; mentre il 26 maggio eravamo a Cecina per un’altra manifestazione “ Costa Toscana Wine & Food” di cui potete legegre in un altro articolo; interessante è dunque poter fare il confronto con i giudizi espressi in varie occasioni, dove si possono riscontrare le variabili dovute alla soggettività del degustatore, al suo stato d’animo, alla sua condizione fisica e psicologica, alla sua freschezza o stanchezza, oltre ovviamente alla diversa bottiglia assaggiata.
Per rendere il più obiettivo possibile il giudizio espresso, ricordandovi ancora una volta, ma non ci stancheremo mai di ripeterlo, che si tratta di valutazioni estremamente personali, abbiamo diviso gli assaggi in due tornate, domenica mattina e lunedì mattina, in modo da non stancare eccessivamente il palato; i primi vini assaggiati nella tornata di domenica mattina erano leggermente freschi come temperatura, e quindi a volte abbiamo evidenziato un impatto tannico un poco aggressivo.
Provincia di Grosseto, Igt Maremma Toscana: su tutti spicca l’Avvoltore 2004, di Moris Farm, 75% Sangiovese, 20% Cabernet Sauvignon e 5% Syrah, dal colore rubino violaceo; pulito ed elegante al naso, con leggere note vegetali dove riconosciamo il peperone; elegante anche in bocca, dove ritroviamo piacevolmente il peperone; questo vino lambisce i 90 punti (89+).
Nectar Dei 2005, di Fattoria Nittardi, Cabernet Sauv., Merlot e Syrah la composizione, intenso il colore, ancora violaceo, nel bicchiere si muove lentamente, dando l’idea di grande estratto; alcolico al naso, con sentori di frutta matura e leggera speziatura; notevoli in bocca sia il corpo che il tannino, vino muscoloso (85+).
Poggio Bestiale 2005, di Fattoria di Magliano, 50% Merlot ed il rimanente suddiviso tra Cabernet Sauvignon e Franc; dal colore violaceo intenso; leggere note surmature al naso, speziato, sentori di cuoio e tabacco; in bocca notevoli la struttura, l’alcolicità ed il tannino (85 punti).
Ampeleia 2004, dell’omonima azienda, appena entrata nell’associazione, vino composto per il 70% da Cabernet Franc e Sangiovese, più un 30% di uve non specificate, violaceo profondo il colore; naso pulito e di buona eleganza, sentori di frutta matura e prugna secca; di media struttura e dal tannino asciutto (85 punti).
Doc Montecucco Sangiovese: Poggio d’Oro 2004, di Le Calle, azienda che non conoscevamo, Sangiovese in purezza dall’intenso colore rubino granato; pulito il naso, di media intensità, con note di confettura; pulito anche in bocca, dove entra con leggera aggressività, asciutto il tannino e buona la persistenza (87+).
Collemassari 2004, tipologia Riserva, di Collemassari, Sangiovese 80%. Ciliegiolo 10% e Cabernet Sauv. 10%, granato intenso il colore; frutta matura speziata e tabacco al naso; pulito ed asciutto in bocca, piacevolmente amarognolo, buona la Pai (86 punti).
Doc Morellino di Scansano: Laire 2004, di Bruni Paolo, altra azienda che non conoscevamo, Sangiovese 85%, Syrah 15%, violaceo il colore; pulito ed intenso il naso, con sentori di frutta matura speziata; grande struttura in bocca, tannino potente ma elegante, speziatura netta (pepe), legno abbastanza percepibile, lunga la persistenza (85-86 punti).

Provincia di Livorno, Doc Bolgheri: qui troviamo il vino che più ci ha stupito, Borgeri 2006, prodotto da Giorgio Meletti Cavallari, giovane figlio di Piermario, padre del Grattamacco; azienda nata nel 2002 e che ci colpisce per la qualità raggiunta in così poco tempo; il vino è composto da 40% Cabernet Sauvignon, 40% Merlot e 20% Syrah, rubino brillante il colore; pulito il naso, con intense note di cioccolato fondente, frutta matura, naso che abbiamo trovato molto bello; pulito anche in bocca, con frutta leggermente speziata, certamente un vino di non estrema complessità, d’altra parte è molto giovane, ma di grandissima piacevolezza (90+).
Grattamacco 2004, tipologia Superiore, di Podere Grattamacco, 65% Cabernet Sauv., 20% Merlot e 15% Sangiovese, dal colore granato non molto carico; elegante il naso, balsamico, mentolato; un poco magro in bocca, con tannino presente ma piacevole (89++).
Varvara 2005, tipologia Superiore, di Castello di Bolgheri, Cabernet Sauvignon e Franc più Merlot la composizione, dal colore granato non molto carico; naso poco intenso ma pulito; non molto strutturato ma di buona eleganza in bocca, con piacevoli note vegetali di peperone (89+).
Sapaio 2004, tipologia Superiore, di Podere Sapaio, Cabernet Sauvignon e Franc, Merlot e Petit Verdot il blend, profondo il colore, ancora violaceo; di media intensità olfattiva, ampio ed elegante, frutta speziata, tabacco, cuoio, cioccolato; di buona struttura ed eleganza in bocca, asciutto e di buona persistenza (89 punti).
Tam 2004, tipologia Superiore, di Batzella, azienda della quale abbiamo recentemente scritto in merito alla degustazione dei vini di Bolgheri, piacevolissima riconferma, il vino è un blend di Cabernet Sauvignon e Franc, granato luminoso il colore; elegante al naso, con note vegetali di peperone; elegante e piacevole in bocca, con evidenti note di peperone verde (88+).
Argentiera 2004, tipologia Superiore, di Tenuta Argentiera, Cabernet Sauvignon, Franc e Merlot; dal colore granato luminoso; intenso al naso, con sentori di frutta matura speziata; buona la struttura in bocca dove ritroviamo la frutta matura speziata, piacevolmente amarognolo il finale (88+).
Arnione 2004, tipologia Superiore, di Campo alla Sughera, altra riconferma, Cabernet Sauv. e Franc, Merlot e Petit Verdot, profondo il colore, con ricordi rubino; di buona intensità olfattiva, alcolico; buono il frutto in bocca, leggermente speziato, lunga la persistenza (87-88 punti).
Potremmo ovviamente continuare con i vini del bolgherese, veramente di ottima qualità, ma l’esposizione diverrebbe troppo lunga, passiamo quindi all’ Igt Toscana, dove abbiamo scoperto, non lo conoscevamo, l’Orma 2005, di Podere Orma, un blend di Cabernet Sauvignon 40%, Merlot 30% e Cabernet Franc 30%, dal colore granato molto intenso; molto pulito al naso, di buona intensità e con note di frutta rossa; buona la struttura, tannino molto piacevole e buona persistenza (89-90 punti).
Della Doc Val di Cornia Suvereto ci piace citare il I’Rennero, di Gualdo del Re, Merlot in purezza, dal colore violaceo cupo; di buona intensità olfattiva con sentori di tabacco; notevoli in bocca sia la struttura che il frutto, leggermente speziato, muscoloso (87--).

Provincia di Lucca, Igt Toscana: sopra tutti mettiamo il Nero della Spinosa 2004, di Colleverde, Syrah in purezza, dal colore rubino violaceo; alcolico al naso, con frutta leggermente macerata e leggera speziatura; intenso e molto pulito in bocca, dal buon frutto, non estremamente complesso ma piacevolissimo (86-87 punti).
I Pampini 2004, di Fattoria di Fubbiano, ricordiamo questo vino come il più interessante nella manifestazione dello scorso anno, Sangiovese 95% e Teroldego 5%, dal colore granato; elegante al naso, con note di cuoio e tabacco; elegante anche in bocca, note balsamiche, non molto strutturato e di media persistenza (85+).
Cercatoja Rosso 2003, di Fattoria del Buonamico, 40% Sangiovese, 305 Cabernet Sauvignon, 20% Merlot e 10% Syrah, granato il colore; intenso al naso, fruttato e vegetale; frutta speziata in bocca, pepe, abbastanza lungo (84++).
Con 84 punti citiamo il Cabernet 2004 di Fattoria Montechiari e l’Esse 2004 di Fattoria La Torre.
Doc Colline Lucchesi: Fabbrica di San Martino 2005, dell’omonimo produttore, vino dalla complessa composizione, Sangiovese, Syrah, Merlot, Canaiolo e Malvasia Nera, dal colore rubino granato; di buona intensità olfattiva, con note di frutta macerata; piacevole speziatura in bocca ed altrettanto piacevole nota amarognola, buono il tannino (84-85 punti).
Tenuta di Valgiano 2004, dell’omonimo produttore, Sangiovese 60%, Syrah 20% e Merlot 20%, rubino granato il colore; alcolico al naso, frutta matura, amarena; notevole struttura in bocca, alcolico, buono il tannino, discreta l’eleganza e buona la Pai (84 punti).

Infine la provincia di Pisa, dove abbiamo trovato interessanti entrambi i vini della Doc Montescudaio: Rosso delle Miniere 2004, di Fattoria Sorbaiano, Sangiovese 60%, Cabernet Sauvignon 30% e Malvasia Nera 10%, rubino violaceo cupo il colore; pulito al naso, con note di frutta matura e leggera ciliegia sotto spirito; intenso e strutturato in bocca, con buon frutto (85 punti).
La Regola 2004, di Podere La Regola, Cabernet Sauvignon 85% e Merlot 15%, da colore granato carico; di media intensità olfattiva, con sentori di frutta speziata; pulito in bocca, di media struttura e dal piacevole tannino ( 84-85 punti).
Igt Toscana: iniziamo dal Caiarossa 2004, dell’omonima azienda, complesso blend di Merlot 33%, Cabernet Sauv. e Franc 33%, Sangiovese 22%, Petit Verdot 6% e Alicante, rubino violaceo profondo il colore; intenso ed alcolico al naso, con sentori di prugna secca; intenso in bocca, con alcol notevole, buon frutto e tannino asciutto (84++)
Beccacciaia 2004, di Pakravan Papi, Merlot in purezza, granato intenso e luminoso il colore; di media intensità olfattiva, con note di caffè, tabacco e cuoio; legna abbastanza percepibile in bocca (84 punti).
Olmata 2004, di Pagani De Marchi, Sangiovese 40%, Cabernet Sauv. 30% e Merlot 30%, da colore violaceo; un poco pungente al naso, con sentori di smalto e frutta matura; pulito in bocca e con un buon frutto (84 punti).
Chiudiamo infine con il Dulcamara 2004, di I Giusti e Zanza, un classico taglio bordolese, 70% Cabernet Sauvignon e 30% Merlot, dal colore violaceo profondo; al naso presenta frutta matura speziata, prugna secca, cannella, amarene sotto spirito; in bocca è alcolico e di buona struttura, il frutto è un po’ troppo maturo (84--).

Passiamo ora alle prove di botte, ossia agli assaggi dei vini ovviamente non pronti, dell’annata 2006; come dicevamo all’inizio, solamente poche degustazioni, per questioni di tempo, e soprattutto non alla cieca, il che rende più discutibile la valutazione fornita, essendoci la possibilità di lasciarsi influenzare dal nome, anche se come sempre cerchiamo di rimanere il più obiettivi possibile; menzioniamo solamente i prodotti ritenuti più interessanti senza fare considerazioni sui vitigni utilizzati e sui colori dei vini, ricordiamoci che sono ancora in fase di evoluzione.
Non avendo assaggiato molti prodotti non ce la sentiamo di trarre conclusioni globali sull’annata, riportiamo quindi quello che ci è stato fornito dall’associazione in merito all’andamento climatico e alle loro ipotesi su quello che sarà in grado di fornire nel tempo l’annata 2006, ricordando che, trattandosi di una zona molto vasta, previsioni globali sono sempre azzardate.
“Inverno generoso in fatto di pioggia, primavera fresca che ha rallentato il germogliamento. Giugno e luglio con temperature elevate che hanno fatto temere un’annata simile a quella del 2003. Agosto tendenzialmente fresco, con soleggiamento ottimale e buoni sbalzi termici giorno- notte, con conseguente ottimale fissaggio degli aromi. Settembre caldo con buone escursioni termiche e qualche pioggia. Maturazione ottimale con uve sane e bucce ricche di colore. Sostanzialmente l’annata 2006 potrebbe fornire vini qualitativamente superiori sia al 2004 che al 2005”. Caratteristiche climatiche leggermente diverse per la provincia di Lucca, dove viene comunque prevista “una grande annata”.
Le degustazioni:
Provincia di Grossetto: Igt Maremma Toscana Cupinero, di Col di Bacche, naso poco intenso ma di grande pulizia; bel frutto speziato in bocca (87-88 punti).
Morellino di Scansano Capatosta, di Poggio Argentiera, notevole il frutto al naso, marasca e prugna matura; intenso e di notevole struttura in bocca, leggermente marmellatoso ma con buon tannino (85++).
Igt Maremma Toscana Avvoltore, di Moris Farm; elegante e discreto il naso, con sentori di frutta speziata; pulito in bocca, dove ritroviamo la frutta speziata e note di pepe (85+).
Provincia di Livorno: Doc Bolgheri Superiore Grattamacco, di Podere Grattamacco, prugna secca al naso, con note speziate di chiodi di garofano, naso veramente notevole; buono il corpo, notevole il frutto in bocca, tannino presente ma non fastidioso (88+).
Doc Bolgheri Superiore Arnione, di Campo alla Sughera, frutta matura e marmellata al naso, con leggere note speziate, anche in questo caso il naso ci è molto piaciuto; già morbido in bocca, seppur con tannino presente (88 punti).
Doc Bolgheri Superiore Sapaio, di Podere Sapaio, dal naso non molto intenso ma pulito e di buona eleganza, note di frutta rossa matura; buon frutto con accenni di liquirizia in bocca (88 punti).
Doc Bolgheri Superiore Tam, di Batzella, ancora vinoso al naso, non molto intenso ma di buona eleganza; intenso in bocca, dal notevole frutto e con tannino elegante (87-88 punti).
Provincia di Lucca: Igt Toscana Cercatoja Rosso, di Fattoria del Buonamico, dal bel naso, pulito, con sentori di frutta fresca, un poco alcolico; frutta rossa in bocca, di non grande struttura ma di notevole pulizia (85-86 punti).
Provincia di Pisa: Doc Montescudaio La Regola, di Podere La Regola, di media intensità olfattiva, con bel frutto maturo; buono il frutto anche in bocca (85++).
Igt Toscana Nambrot, di Tenuta di Ghizzano, molto pulito il naso, con note di frutta matura speziata; notevole il frutto in bocca con tannini morbidi ed asciutti, non molto strutturato (85++).
Igt Toscana Dulcamara, di I Giusti e Zanza, di buona intensità olfattiva, frutta matura, amarena e prugna; notevole l’impatto in bocca, con finale leggermente amarognolo (84+).
Doc Colli dell’Etruria Centrale Vignaalta, di Badia di Morrona, naso non molto intenso ma piacevole; del frutto in bocca, con tannino leggermente aggressivo (84 punti).
Lorenzo Colombo

 
1/6/2007