scrivici        vinealia         fatti         uve e vini         genti e terre         vino e …        

Degustazioni
    50 anni di Vorberg
    Alsace Grand Cru***
    Alsazia 2007 ***
    Alsazia 2008***
    Alto Adige
    AMARONE
    Amarone 2003 ***
    Amarone 2004 ***
    Amarone 2005 ***
    Amarone 2006 ***
    Amarone 2007 ***
    Amarone 2008 ***
    Amarone 2009 ***
    Amarone e Valpolicella ***
    Anteprima Bardolino 2009***
    Anteprima Bardolino 2010***
    Anteprima Bardolino 2012***
    Anteprima Bolgheri 2010 ***
    Anteprima Chianti 2013
    Anteprima Rufina 2010
    Anteprima Rufina 2011
    Anteprima Vernaccia di San Gimignano
    Apianae
Di Majo Norante
    Arezzo Terra di Vino ***
    Arezzo Vecchie annate ***
    Assaggi al Vinitaly ***
    Autoctono - GoWine ***
    Azienda Tedeschi
    Barbaresco ***
    BARBERA
    Barbera Nizza ***
    Bardolino 2011 ***
    BARDOLINO CHIARETTO
    Barolo 1996
    Bastianich ***
    BCM numero 3 ***
    Benvenuto Brunello Bergamo ***
    BereBio
    bio&dinamica
    Biologici ***
    Bolgheri
    Bolgheri ***
    Bolgheri 2003-2005 ***
    Bolgheri 2009 ***
    BOLLICINE
    Bollicine a Marostica
    Bollicine su Trento ***
    Bollicine su Trento ***
GRANDI ANNATE
    Bollicine su Trento 2010
    Bosco del Merlo
    Bovio
    Braide Mate e Alte
dalla Livon
    Broy
    Brunello 1990
    Burgenland ***
    Ca Andrea e Muda
Girasoli Sant'Andrea
    Calatrasi
    Campo Marzio '02
La Tunella
    CANNONAU
    Cannubi Boschis
di Luciano Sandrone
    Cantine De Falco ***
    Cantine di Caldaro
    Casa'
    Casale dello Sparviero
    Castelli Maria Pia
    Cesanese del Piglio
    Champagne a Milano***
    Chasse-Spleen 2001
    Chianti 2011 ***
    Chianti Riserva 2001
Frascole
    Chianti Rufina 2002
Frascole
    Chianti Rufina 2008 ***
    Chianti Rufina 2009 ***
    Chianti Rufina vs. Barbaresco ***
    Chiaretti del Garda***
    Colle di San Domenico
    COLLIO BIANCO
    Collio Sauvignon "Valtrussio" 2006
    Costa Toscana
Wine and food ***
    Costa Toscana Anteprima 2010 ***
    Costa Toscana
Anteprima 2008 ***
    Costa Toscana
Anteprima 2009 ***
    Costa Toscana
Anteprima 2007 ***
    Cotinone
Tenuta Coppadoro
    Custoza e altra Garganega
    Dal bicchiere alla vigna ***
    Dieci anni di Nizza ***
    Divin Orcia 2008 ***
    Divin Orcia 2009 ***
    Divin Orcia 2010 ***
    DiViniProfumi
    DOLCETTO ***
    Dolcetto a MIlano
    DolceVi 2007***
    Domaine Taupenot-Merme
    Donna Chiara
    Due rossi da Livon
    Elo Veni 2001
Leone de Castris
    Enantio & Casetta***
    Endrizzi
    Enoteca Enopassione***
    Erbaluce ***
    EuVite
    Falanghina Felix
    Falerno del Massico
da Masseria Felicia
    Famiglie dell’Amarone ***
    Felluga Livio
    Filippi
    Francia del Sud
    Franciacorta
    Franciacorta a Milano***
    Franciacorta festival
    Freewine Day ***
    Friulano & friends***
    Friuli Venezia Giulia
    GAVI
    Gewurztraminer
Simposio 2009 ***
    Gewurztraminer
Simposio 2007 ***
    Gnirega
    Grandi Crus
Costa Toscana 2000 ***
    GRANDI ROSSI DEL SUD
    Grands Crus
Bordeaux 2005 ***
    Grands Crus de Bordeaux***
    Grave del Friuli***
    Grumello
    Guerila
    Guerrieri Rizzardi
    Heres***
    Hofstatter
    I Balzini
    I vini del Palatinato ***
    Iasma
    Il Puro- Fattoria Lavacchio
    Il Trentino di Proposta Vini
    Italia in Rosa 2008
    Italia in Rosa 2009
    Italia in Rosa 2013
    Italia in Rosa ***
    Krimisa by Zito
    La prima del Torcolato
    La Rasenna
    La vie en rose'***
    LACRIMA
DI MORRO D'ALBA
    Lambrusco Cavicchioli
    Langhe Doc Favorita Casà
    Lazio
    Le cantine di Caldaro
    Le Famiglie dell'Amarone d'Arte
    Le loro Maesta' ***
    Le Marche da “Enopassione” ***
    Lessini Durello ***
    Letrari ***
    Livon 2000
    LUGANA
    Marche ***
    Mare e Vitovska ***
    Maremma Wine Shire
    Masari e Tenuta la Bertol
    Merano Wine Festival 2012 ***
    Mercato dei Vini FIVI ***
    Merlot Grandimani
    Mezzacorona
    MONTEPULCIANO
D'ABRUZZO
    Moscato d'Asti & Asti 2009***
    Mueller Thurgau ***
    Nebbiolo Grapes***
    Nebbiolo Prima ***
    NERO D'AVOLA
    NOBILI AROMU
    Non lo so
    Non lo so 2010
    Nosiola
    Novelli
    Nuova Zelanda ***
    Old Custoza
    Oltrepo Pavese
    Oreno 
    Passione di Vino ***
    Pecorino in verticale parallela
    Pedrotti
    Perlone e Rubino
Torboli
    Pescorosso
Tenuta Coppadoro
    Piacere Barbaresco 2008 ***
    Piacere Barbaresco 2009 ***
    Piacere Barbaresco 2010 ***
    PicenINvisibli
    Picolit en primeur ***
    PIGNOLETTO
    PINOT NERO
    Piro
    Podere Bell'Angelo
    Poggio al Vento
    PRIMITIVO
    Proposta Vini ***
    PROSECCO
    Prove di botte ***
    Quattro vini
da La Tunella
    Quignones
    RAMANDOLO
    Ratino
Tenuta Coppadoro
    Ravazzi
    Re Manfredi
Terre degli Svevi
    RECIOTO DI SOAVE
    REFOSCO
    RIBOLLA GIALLA
    Ribolla gialla '03
La Tunella
    Riedel
    Riesling di Germania ***
    Romagna
    Romano Dal Forno
    Rosa del Golfo
    ROSSO
DI MONTEPULCIANO
    ROSSO CONERO
    Rosso Montepulciano
Poliziano
    Roussillon
    Roussillon 2007
    Rufina-Borgogna***
    Südtirol St. Magdalener D.O.C.
    SAGRANTINO
    Sagrantino ***
    Sagrantino Colsanto
    Sagrantino di Montefalco***
    Sagrantino Scacciadiavoli ***
    Salento Sauvignon
Leone de Castris
    SALICE SALENTINO
    SALICE SALENTINO 2
    San Marco e Tufico
Colonnara
    San Ruffino Mutti
    San Vincenzo '02
Anselmi
    SANGIOVESE
DI ROMAGNA
    Santa Margherita
    Sassocheto 1997
Il Grappolo-Fortius
    Scirus Igt 2001
    Semplicemente uva
    Soave a Milano ***
    SOAVE SUPERIORE
    Solarco 2006 Livon
    Solarco 2008 Livon
    Sovversivi del gusto ***
    Stucchi
    Sud de France Igp ***
    Sud de France Worldwide
    Super Whites ***
    Super Whites 2009
    Super Whites 2010
    Super Whites 2011***
    Tai by Cavazza
    Tenuta San Marcello
    Tenuta Terre Nobili 2006
    Tenuta Terre Nobili 2007
    Tenuta Terre Nobili 2008
    Terre da tartufo ***
    Terre di Toscana ***
    Terre Nobili ***
    TOCAI FRIULANO
    Tocai Friulano '03
La Tunella
    Tocai friulano 2003
Forchir
    Traminer "Glére" '03
by Forchir
    Trentino Wine 2010***
    Trento Doc
    Tutti i colori del Bianco ***
    VALCALEPIO
    Valtellina ***
    VALTELLINA SFORZATO
    VERDICCHIO DI JESI
    VERDICCHIO RISERVA
    VERMENTINI D'ITALIA
    Vernaccia - Chenin Blanc ***
    VERNACCIA
DI SAN GIMIGNANO
    VERNACCIA
DI SERRAPETRONA
    Vernaccia di San Gimignano ***
    Vernaccia e Ribolla
    Vernaccia 2011 ***
    Vernaccia-Calce***
    Verticale Amarone
    Verticale Tommasi ***
    Vignaioli Alto Adige
    Vignaioli Alto Adige***
    Villa Matilde ***
    Vin Santo Doc 1997
Fattoria Le Sorgenti
    Vini biologici del Sud de France ***
    Vini d'Abruzzo***
    Vini della Nuova Zelanda***
    Vini di Romagna
    Vini italiani
    Vini rossi del vulcano
    Vinistra 2013
    Vinitaly 2010 1
    Vinitaly 2010 2
    Vino & Portici
    VINO NOBILE
DI MONTEPULCIANO
    Vins d'Alsace ***
    Vitovska ***
    Vulcania
    Vulcania 2010
    Vulcania 2011***
    Zimor






 
Sagrantino di Montefalco
I nostri assaggi durante la Settimana enologica 2007
 
Giunta alla sua 28° edizione e notevolmente cambiata nel corso degli anni, la SETTIMANA ENOLOGICA, dedicata ai vini di Montefalco, Sagrantino in primis, si è svolta quest’anno dal 20 al 23 Settembre, coinvolgendo, oltre Montefalco – bellissimo borgo medioevale che da il nome al vino – anche gli altri quattro comuni interessati nella produzione di questo prodotto, che nell’arco di pochissimi anni si è posto all’attenzione degli amanti della bevanda di Bacco di tutto il mondo: Bevagna, Castel Ritaldi, Giano dell’Umbria e Gualdo Cattaneo.
Quattro giorni intensi, densi di eventi, dedicati sia al grande pubblico di amanti del vino che – con un apposito programma - agli addetti ai lavori, tra cui molti rappresentanti della stampa, anche straniera; oltre alle classiche degustazioni, visite alle cantine ( in alcune erano stati predisposti programmi molto particolari di cui riferiremo in seguito). Molto interessante il Sagrantino Film Festival, dedicato quest’anno al grande regista Mario Monicelli, con la proiezione di alcuni suoi films; concerti di musica jazz, classica, gospel; passeggiate tra i vigneti a cavallo e in bicicletta; tour enologico-culturali in bus, abbinamenti sigaro toscano-sagrantino, degustazioni-confronto con altre tipologie di vini; l’esposizione di etichette “Il Sagrantino disegnato”, l’etichetta di quest’anno è stata ideata da Altan, creatore della Pimpa; un programma, insomma, che per essere elencato tutto richiederebbe più pagine.
Noi di vinealia siamo giunti a Montefalco nel pomeriggio di giovedì 20 settembre e ci siamo quindi persi il talkshow “La comunicazione del vino e dintorni: è tempo di rivoluzioni”; non però l’apertura ufficiale della Settimana Enologica, con interventi del sindaco di Montefalco, Valentino Valentini e del Sottosegretario al Commercio Internazionale, Mauro Agostini.
Valentino Valentini ha dato particolare risalto agli sforzi compiuti in questi ultimi anni, per incrementare la qualità del prodotto con una revisione del disciplinare che prevede tra l’altro più basse rese per l’annata 2007; è stata inoltre richiesta la fascetta ministeriale anche per il Montefalco Rosso Doc, e questo da la possibilità di avere un controllo più preciso sui prodotti commercializzati e rende possibile la loro tracciabilità; si sta cercando inoltre di rendere più equo il pagamento delle uve ai vignaioli conferenti, suggerendo dei prezzi indicativi delle stesse.
Venerdì mattino, presentazione dell’annata 2004 di Sagrantino di Montefalco, ad opera di Luca Maroni e dell’enologo Stefano Chioccioli; dopo la descrizione del favorevole andamento climatico dell’annata, con assegnazione delle quattro stelle ad opera del consorzio “Una primavera fresca e buone piogge, un'estate calda a luglio e un mese di agosto piu' mite, con buone escursioni termiche tra giorno e notte, hanno aiutato il lavoro dei produttori e delle cantine del Sagrantino, ormai decisamente orientate al raggiungimento di risultati di pregio”. Chioccioli così descrive i risultati ottenuti “... il 2004 si caratterizza per un'ottima concentrazione di polifenoli e per un vino di ottimo livello per struttura, dolcezza e fruttato". Sara' quindi un vino con tannini piu' morbidi rispetto alle ultime annate, ma che conserva un carattere di grande longevita' proprio del Sagrantino”.
Dichara Luca Maroni: “Non esiste un’altra denominazione italiana che abbia una media organolettica così alta tra quelle da me valutate finora”. E aggiunge: “Non c’è altra docg in Italia con queste performance, con una capacità di eccellere che non è appannaggio di pochi, ma ben distribuita sul territorio. Anche le aziende che entrano sul mercato per la prima volta con il Sagrantino lo fanno con standard di qualità molto elevati”. Un vino di grandi profumi, con un livello di acidità fissa di mezzo punto di grammo/litro più alto, un vino molto espressivo, con una grande ricchezza di polifenoli e antociani, grandi profumi, molto pulito, insomma “un fuoriclasse assoluto”. E questo è il risultato di intenti e investimenti di persone che hanno dato l’anima e il portafoglio, mettendo in pratica una “qualità attualizzata, grazie a un lavoro di sistema”. Piccola punzecchiatura finale ai produttori: “Tuttavia bisogna aprire la fase di comunicazione e di investimenti per far conoscere meglio questo vino, soprattutto all’estero. Non è possibile che per ogni bottiglia prodotta vengano spesi appena – per la promozione – 0,05 euro, l’equivalente delle vecchie 100 lire”.

Dopo il convegno si è tenuta – nel Teatro San Filippo Ner i- la degustazione tecnica. 23 i campioni in assaggio, in quanto manca buona parte dei produttori, pur partecipanti alla manifestazioni, e questo ci è spiaciuto, poiché sarebbe stato interessante confrontare tutti i vini in una degustazione alla cieca, e quindi nelle medesime condizioni. Tra i prodotti assaggiati in questa occasione segnaliamo i seguenti:
Tenuta di Castelbuono: vino dal colore profondo, rubino-granato intenso; naso di buona eleganza, con sentori di frutta speziata e leggere note di china, molto piacevole; molto buono il frutto speziato in bocca, di media struttura e con tannini molto fini; un vino elegante. (88+ il punteggio)
Antano: violaceo profondo il colore, intenso e luminoso, bellissimo; intenso al naso, con frutto notevole, ciliegia sotto spirito, frutta macerata, cioccolato; fruttato in bocca, quasi masticabile, di buona intensità e con tannino dosato molto bene, ottima la persistenza. (87++ il punteggio)
Plani Arche (Di Filippo): dal colore granato intenso; intenso ed alcolico al naso, con note di frutta macerata e ciliegia sotto spirito; molto alcolico in bocca, con notevole frutto e struttura, quasi marmellatoso, tannini morbidi. (87 punti)
Terre De La Custodia: granato-rubino intenso il colore; alcolico al naso, molto pulito, con note di cioccolato e frutta sotto spirito; di notevole struttura e con tannino possente, buono il frutto speziato alla bocca. (87 punti)
Colpetrone: granato molto intenso il colore; un poco chiuso al naso, con note di frutta matura leggermente speziata; di buona struttura in bocca, buono il frutto e tannino notevole ma ben fuso. (86+ il punteggio).
Tenuta Alzatura: granato-rubino intenso il colore; frutta macerata al naso, con leggere note di smalto; buono il frutto in bocca, leggermente vegetale. (86+)
Perticaia: rubino-granato di buona intensità il colore; naso un poco chiuso, di media intensità olfattiva, non invadente; buoni sia il frutto che la struttura in bocca, tannino presente ma piacevole. (86 punti).
Madonna Alta: inchiostro il colore, impenetrabile; alcolico al naso, leggermente pungente, frutta macerata; strutturato ed alcolico anche alla bocca, leggermente vegetale, buoni sia il tannino che la persistenza. ( 85 punti)
Moretti Omero: granato luminoso e di buona intensità il colore; buono il frutto, con una nota speziata; speziato in bocca, di media struttura e con tannino evidente. (85 punti)
Scacciadiavoli: granato di media intensità e buona luminositò; dal naso non invadente, speziato ed elegante; di buona struttura, notevole la nota speziata in bocca, leggermente vegetale e con tannino ben presente. (85 punti)
Tiburzi: dal colore granato-rubino intenso; buona l’intensità olfattiva, buoni sua il frutto che la struttura, leggere note vegetali e di vernice. (85 punti)
Cesarini Sartori: granato luminioso; frutta speziata al naso, con richiami alla cannella ed ai chiodi di garofano; di media struttura, in bocca si ritrova notevole la nota speziata, tannino presente.(85-)
Tabarrini: molto bello il colore, violaceo profondo; intenso al naso, note di prugna matura e cioccolato; buoni sia il frutto che la struttura, tannino possente. (85-)
Nota: tutti i vini sopra segnalati sono dell’annata 2004, ad eccezione di Plani Arche e Tenuta Castelbuono, questi due prodotti, che hanno ottenuto valutazioni al vertice, sono in un certo senso stati favoriti dal fatto di avere un anno in più rispetto agli altri, con tutte le conseguenze dovute alla maturazione di questo vino un poco scorbutico in gioventù.

Durante questa tre giorni abbiamo ovviamente assaggiato altri Sagrantino di annate diverse, alcuni presso i banchi dei produttori – scegliendo magari tra quelli meno famosi – altri in cantina; segnaliamo quindi quelli ritenuti più interessanti, in ordine di preferenza, senza fornire in questo caso il punteggio assegnato.
Adanti, 2002: naso di grande pulizia, delicato ed elegante; morbido in bocca, delicato, pur se ancora con tannino in evidenza. Vino dal naso strepitoso.
Pennacchi, 2003: pulito al naso, fruttato, balsamico; bel frutto in bocca, abbastanza morbido e con tannino ben dosato. Molto piacevole.
Col Sant’Angelo, 2004: pulito al naso, frutta speziata; buono il frutto in bocca, tannino ben dosato. Molto buono.
Novelli, 2004: pulito al naso, dove ritroviamo piccoli frutti di bosco e ciliegia matura; di buona morbidezza e facile approccio.
Benincasa, 2003: notevole frutto al naso, note surmature; buono il frutto in bocca, con tannino ben dosato.
Villa Mongalli, 2004: naso pulito, un poco chiuso; pulito, fine, franco alla bocca, leggermente vegetale.
Fattoria Le Mure Saracene, 2003: intenso, pulito al naso, con un bel frutto leggermente speziato; potente in bocca, con tannino imponente.
Terre De La Custodia, 2003: bellissimo il colore, rubino luminoso; non molto intenso al naso, frutta matura, ciliegia sotto spirito e cioccolato; di notevole struttura e con tannino possente.

Nei giorni trascorsi a Montefalco abbiamo avuto anche l’occasione di visitare alcune cantine che avevano preparato degli appositi eventi:
L’Azienda Caprai ha organizzato un’interessante visita ai propri campi sperimentali, dove, partendo da semi di Sagrantino si sono ottenute piante di Sagrantino Bianco, Grigio e Rosso, utili per la ricerca sul passato e sulle potenzialità future di questo vitigno, ancora tutto da scoprire; dopo la visita alla cantina si è ovviamente concluso con la degustazione dei vini nella nuovissima ed innovativa sala di degustazione.
Molto interessante anche quanto organizzato dalla Tenuta di Colpetrone, una degustazione in movimento, condotta dall’enologo Lorenzo Landi, dove partendo dall’assaggio delle uve in vigneto, si è proseguito con la prova di botte in cantina, ovvero la degustazione dell’annata 2006, ancora in barrique; quindi si è passati nel magazzino per assaggiare l’annata 2005, che si sta affinando in bottiglia; per giungere all’annata ora in commercio (2004) e concludendo infine nella sala degustazione, con l’annata 2001 – veramente un grande vino – accompagnata da prosciutti di diverse provenienze.
Infine, molto curioso oltre che interessante quanto proposto dalla Cantina Novelli, ovvero una degustazione guidata di acini, di uve sagrantino e sangiovese, per valutare il giusto grado di maturazione e la differenza delle stesse; si è trattato di una degustazione tecnica, condotta in modo esemplare dall’enologo Massimo Giacchi, con tanto di parametri da valutare e relativo grafico; questo sistema, ovviamente unito ad analisi chimico-fisiche, andrà a costituire un database dal quale si potranno tratte valutazioni importanti sulla maturazione delle uve nel corso degli anni.
Sabato mattino si è tenuta infine una tavola rotonda su “Investire nel paesaggio viticolo conviene”, dove si sono evidenziati vantaggi, anche economici, derivanti da una gestione del territorio che salvaguardi la conservazione del paesaggio rurale.

Lorenzo Colombo

 
6/10/2007